Breaking
Ad
Ad
Ad
Uncategorized

Uragano Vitti a 360°: “Il Taranto si salverà e vi spiego il perchè!”

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

vittiLunghissima e interessantissima la chiacchierata che nel pomeriggio noi di fTa.com abbiamo avuto col noto e apprezzato Domenico Vitti, uomo di calcio tarantino che certo non ha bisogno di presentazioni. Ecco in breve snocciolati i temi della nostra bella chiacchierata:

2 Premesse: “Non posso certo dire che il Taranto visto ieri allo Iacovone abbia disputato una grande gara. Tutt’altro…ma per analizzare a fondo e con criterio la gara di ieri sera è necessario partire da due presupposti. Il primo è, come già in altre occasioni ho avuto modo di dirvi, che il Taranto ha una rosa costruita male, non dico da giocatori poco validi, ma da giocatori che nella stagione passata hanno disputato pochissimi minuti di gioco effettivo per infortuni più o meno gravi. Conseguente a questo, è il secondo punto da cui vorrei partire prima di analizzare in seno la gara, ovvero, che se pur vero che Prosperi ha ieri adottato una tattica diversa dal solito, è altrettanto vero che alcuni uomini non si sono rivelati all’altezza sotto il punto di vista del dinamismo e della verve agonistica.”

Taranto – Francavilla: “Se ieri il Taranto fosse uscito vincitore dalla gara del posticipo adesso staremmo parlando di Prosperi come un mago della panchina. Fabio ha osato, sicuramente ponderando le scelte fatte che puntavano ad un calcio, specie in fase offensiva veloce e scoppiettante, per non dare punti di riferimento in avanti, ma gli è andata male e parte di questa responsabilità è da additare anche ai suddetti motivi. La cosa che lascia l’amaro in bocca è soprattutto il fatto che il Francavilla non è sembrato un team superiore al Taranto se non per la punta Nzola, davvero un bel giocatore che forma una buona coppia con DeAngelis, il resto della squadra non mi ha impressionato particolarmente specie nel reparto difensivo dove i calciatori biancazzurri pensavano più a spazzare via la palla che a giocarla. Aver preso tre gol dai brindisini deve far comunque pensare.”

VIOLA-STENDARDO: “Per quanto riguarda Viola credo che il suo impiego centellinato sia dovuto ad una forma fisica carente e che stenta a crescere, per Stendardo il discorso potrebbe essere lo stesso anche se conoscendo lui e il mister non escludo che possa esserci stato qualche problema nello spogliatoio, che unito ai problemi fisici del forte centrale difensivo ne stanno costando l’esclusione”

IL MERCATO ROSSOBLU: “Complice una spesa per un ripescaggio comunque annunciato, il mercato rossoblu è stato costellato dall’acquisto di molte scommesse che per ora non si sono rivelate vincenti. Parliamo di molti giocatori che avevano fatto solo campionati di D o di Eccellenza e di giovani mai titolari nelle loro squadre di provenienza o ancora e mi ripeto, di calciatori ‘in offerta’ che venivano da lunghi infortuni. La colpa di tali acquisti badate bene non è di Delli Santi come molti pensano che è una brava persona e che per il poco peso societario che ha, non avrebbe mai potuto mettere bocca in tutti gli acquisti del calciomercato rossoblu”.

IL TARANTO RISCHIA DI RETROCEDERE?: “A mio parere no. Il perchè è semplice, il campionato è lungo e tra penalizzazioni e colpi di coda vari tra qualche settimana vedremo un’altra classifica specie nelle ultime posizioni. E poi per un motivo molto semplice…il campionato è davvero un campionato mediocre, a parte le 4 davanti, che comunque iniziano a rallentare, le altre sono quasi tutte sullo stesso livello medio-basso, pertanto non sarà difficile con qualche vittoria poter risalire la china.”

I TIFOSI: “Se dovesse continuare così vedremo presto uno Iacovone deserto, ma c’è da elogiare lo zoccolo duro del tifo rossoblu sempre vicino specie alla società oltre che alla squadra. Ricordo simpaticamente ora dopo 17 anni un avvenimento del 99-2000 quando all’epoca ero il secondo di mister Carrano (75 punti in 34 gare col Ta) e i tifosi a seguito di un pareggio con una squadra di mezza classifica (il Locorotondo ndr) smontarono i wc dello stadio e li buttarono in  campo in segno di protesta!”

IL FUTURO: “Ora il mister e i tifosi sono sfiduciati ed è normale, ma vi assicuro una cosa, Fabio è un grande lavoratore che farà di tutto per risollevare la situazione e al quale a mio parere va data un’altra possibilità per dimostrare ciò. Detto questo tutto può succedere attenzione…e non è esclusa neanche la possibilità di vedere nei prossimi giorni l’evolversi di  nuove dinamiche tecniche e perchè no…anche societarie”

Di Mimmo Frusi

Write A Comment