Breaking
Ad
Ad
Ad
TARANTO FC

Un Taranto ‘senza casa’ aspetta Diaz per azzerare il gap in attacco

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Il Taranto è senza una casa. Lo Iacovone, struttura gigantesca per la D, figuriamoci ora che si gioca a porte chiuse, resterà off limits per chissà quanto tempo ancora.

Dopo il sopralluogo dell’assessore Fabiano Marti dell’11 dicembre scorso, l’intervento per la messa in sicurezza si sta trasformando in una corsa contro il tempo, dato che il Taranto è atteso da un doppio turno casalingo in 4 giorni, il 6 ed il 10 gennaio prossimo contro Fasano e Andria.

Un ulteriore exploit dei rossoblu potrebbe regalare uno slancio in vetta alla classifica. La società rossoblu ci crede, i tifosi un po’ meno, visto i recenti trascorsi impregnati di delusioni a go-go. La mancanza dello Iacovone un ostacolo in più per una società che non ha storicamente mai vita facile.

Intanto sul fronte mercato si fa sempre più concreta l’ipotesi dell’ingaggio di Augusto Diaz, classe ’92, centravanti argentino ex Fasano lo scorso anno e quindi già alle dipendenze di Laterza nella città della selva. Un giocatore che, unito all’altro nuovo arrivato Abayian, avrà il compito di azzerare il gap in attacco rispetto alle avversarie più accreditate per il salto in C.

13 gol nell’ottimo campionato 2019-20, una mezza stagione con sole 3 presenze da titolare nel primo scorcio dell’attuale annata nel Linense, in terza serie spagnola, società dalla quale ha rescisso per rientrare in Italia. L’attaccante è atteso in città per legarsi ai rossoblu nelle prossime ore.

In foto Augusto Diaz, fonte web

Write A Comment