Breaking
Ad
Ad
Ad
AMARCORD

Un 10 novembre ricco di storie…

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

12 precedenti in data 10 novembre per il Taranto, più una gara rinviata nel ’57 in B a Lecco ed una annullata, sempre in B, a Viareggio nel ’35.

In totale 3 le partite giocate in B, 6 in C, 1 in C2, 1 in D e 1 in Coppa Italia, con il Taranto vittorioso per 5 volte, 4 i pareggi e 3 le sconfitte. 14 i gol realizzati e 9 subiti.

Curiosità:
La vittoria più larga coincide con il primo incontro, disputato in Prima Divisione nel 1929, 3-0 al Cagliari.

La partita con più gol è Taranto-Bisceglie, serie C ’40-’41, terminata 4-2 per i rossoblu.

Il risultato più frequente è 1-0 (5 volte), seguito dall’1-1 (2 volte).

Il Pescara l’unico avversario incontrato 2 volte, una in campionato e una in Coppa Italia, sempre in Abruzzo e in entrambi i casi con pareggio finale.

Il 10 novembre del ’35 in B, il Taranto in trasferta a Viareggio subì una sconfitta per 2-1 ma il risultato non fu omologato dato che il portiere rossoblu Sellan fu coinvolto in una rissa con un raccattapalle. In un primo momento fu data la vittoria a tavolino per 0-2 al Taranto, in seconda battuta venne ordinata la ripetizione della gara in campo neutro ad Ancona, che fu giocata il 19 gennaio del ’36 e si concluse con una nuova vittoria dei toscani, stavolta per 1-0.

Nel ’68 in C sconfitta per 2-0 a Messina per un Taranto in piena crisi che scivolò a metà classifica a -7 dalla lanciatissima Casertana. La settimana dopo il pareggio in casa col Lecce segnerà la fine della coppia Biagini-Raguso in panchina e l’arrivo di Caciagli, artefice della rimonta promozione.

Nel campionato di B ’74-’75, vittoria sull’Atalanta di Heriberto Herrera per 1-0 con gol al 52′ del centrocampista Vincenzo Montefusco, una carriera intera al Napoli giocando, tra gli altri, con compagni come Sivori e Altafini, con puntate in prestito a Foggia, Vicenza e appunto Taranto, dove arriva in una fase ormai calante disputando in rossoblu le sue ultime 16 presenze (e 2 gol) in campionato. A fine stagione torna al Napoli, dove resta per due anni senza mai giocare, salvo una presenza in Coppa delle Coppe (entrato in campo al 71′ al posto di Juliano in Napoli-Bodo Glimt 1-0) e due presenze in Coppa Italia, nella seconda delle quali realizza la rete dell’1-0 finale il 29 giugno del ’77 al 19′ di Napoli-Bologna, proprio in occasione della sua ultima partita ufficiale, prima del ritiro, avvenuto all’età di 32 anni.
In seguito intraprende la carriera da allenatore con poche soddisfazioni, con l’apice della finale di Coppa Italia ’96-’97 persa dal Napoli contro il Vicenza.

Di seguito il tabellino di quel Taranto-Atalanta 1-0:
-Taranto
Cazzaniga; Biondi, Capra, Stanzial, Spanio, Nardello, Morelli, Romanzini, Listanti, Montefusco, Selvaggi (83′ Lambrugo).
A disposizione: Restani e Tocci. Allenatore: Mazzetti.
-Atalanta: 
Cipollini; Percassi, Divina, Mastropasqua, Lugnan, Marchetti, Scala (83′ Gustinetti), Rocca, Musiello, Russo, Rizzati.
A disposizione: Tamburrini e Brambilla. Allenatore: Heriberto Herrera.
Arbitro: Benedetti di Roma.
Marcatore: 52′ Montefusco.
Note: ammonito Rocca (At)
Spettatori 16mila circa

Il 10 novembre del ’77 si disputò la gara d’andata dello spareggio tra Pescara e Taranto per decidere chi dovesse accedere al girone di semifinale di Coppa Italia. Le due squadre avevano terminato il girone iniziale in testa a pari punti.
L’incontro giocato a Pescara finì 2-2 con le reti di Iacovone e Gori (in foto) a cui rispose con una doppietta Nobili. Al ritorno, davanti a 22mila tifosi, un rigore di Gori diede la qualificazione ai rossoblu. Nel maggio seguente il Taranto disputò un girone di semifinale con Juventus, Milan e Napoli, in cui i rossoblu ottennero 3 punti, frutto di 3 pareggi in casa con le tre big della serie A. Resta questo il massimo risultato di sempre del Taranto in Coppa Italia.

Nel ’91 in B, prima partita in panchina per Giampiero Vitali, 1-1 contro il Venezia allo Iacovone, con vantaggio dei lagunari e pareggio rossoblu su autorete del difensore veneto Carillo che nel tentativo di rinviare il pallone, svirgoló incredibilmente nella propria rete.

10-11-1929 prima divisione
Taranto Cagliari 3-0
15′ Montaldo, 55′ Cornara, 65′ Sculto

10-11-1935 serie B
Viareggio Taranto 2-1
(Incontro annullato e ripetuto il 19-1-1936 ad Ancona e terminato 1-0)
5′ Perrucci (Ta), 51′ Renzi, 54′ (r) Giorgetti III

10-11-1940 serie C
Taranto Bisceglie 4-2
7′ Penza, 32′ De Molfetta (BI), 33′ Mirabello (BI), 61’Molinari, 72′ M. Castellano, 84′ Molinari

10-11-1946 serie B
Brindisi Taranto 1-0
38′ Feliciotti

10-11-1957 serie B
Lecco Taranto
(Rinviata per impraticabilità di campo, recuperata l’11 febbraio ’58, risultato 2-0)

10-11-1963 serie C
Pescara Taranto 0-0

10-11-1968 serie C
Messina Taranto 2-0
54′ (r) La Rosa, 76′ (a) Bertini

10-11-1974 serie B
Taranto Atalanta 1-0
52′ Montefusco

10-11-1977 Coppa Italia
Pescara Taranto 2-2
37′ Iacovone, 63′ (r) Nobili (Pe), 70′ Gori, 73′ Nobili (Pe)

10-11-1985 serie C1 (cn Perugia)
Ternana Taranto 1-0
11′ Bartolini

10-11-1991 serie B
Taranto Venezia 1-1
29′ Lizzani (Ve), 78′ (a) Carillo

10-11-1996 serie C2 (cn Castellaneta)
Taranto Castrovillari 1-0
23′ Caputo

10-11-2002 serie C1
Giulianova Taranto 1-1
9′ Andrisani, 48′ pt Biagioni (Gi)

10-11-2013 serie D
Taranto Gelbison 1-0
45′ (r) Molinari

Una formazione del Taranto ’74-’75

Fonte statistiche passione rossoblu.it

Write A Comment