Breaking
Ad
Ad
Ad
CALCIO

Termine campionati, aprile mese decisivo

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Cosa accadrà se i campionati non dovessero riprendere? Alla luce della situazione attuale, è abbastanza chiaro che aprile sarà il mese decisivo: se l’emergenza Coronavirus non dovesse rientrare completamente o almeno essere dichiarata sotto controllo, difficile ipotizzare la ripresa e la conclusione dei tornei.

La speranza di tutti è che ciò non avvenga, ovviamente, il che significherebbe il superamento di una emergenza sanitaria senza precedenti dal dopoguerra ad oggi.
Il tal caso, se i campionati ripartissero per i primi di maggio, è lecito ipotizzarne la conclusione, tra la fine di giugno ed i primi di luglio. Da capire come verranno gestiti i contratti in scadenza al 30 giugno: possibile che sia data discrezionalità alle società sul prolungamento degli stessi, se si dovesse andare oltre tale data.

Ipotesi comunque remota: se non si riparte per i primi di maggio, più facile che i campionati siano dichiarati conclusi, diversamente si giocherà ogni mercoledì e domenica per 2 mesi consecutivi. Obiettivo comune di tutte le società, decise a scongiurare le enormi perdite sul piano economico nel caso di sospensione definitiva dei campionati.
La serie D è la più semplice da portare a termine, mancando solo 8 gare. Probabilmente salteranno gli inutili playoff.

La Uefa intanto sta già studiando l’ipotesi di un torneo finale a 8 squadre con gare secche da giocarsi in campo neutro per Champions e Europa League. Quarti, semifinali e finale, tutto in una settimana al massimo, se non meno.

Write A Comment