Breaking
Ad
Ad
Ad
Uncategorized

Taranto: Lo “Spartan Race” e la “Bella addormentata”.

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Si è svolta questa mattina, venerdì 9 settembre, presso la Lega Navale che si ringrazia per la gentile ospitalità, la conferenza stampa dell’associazione culturale “Taranto, la cittá Spartana”.
Nel corso dell’incontro, Marco De Bartolomeo, Dante Roberto e Claudia Carone, hanno ricostruito il percorso di studio e divulgazione degli ultimi anni che ha registrato l’interessamento e plauso di ogni livello istituzionale lasciando invece insensibile ed impreparato il Comune di Taranto che, a detta dell’associazione, avrebbe dovuto già da tempo acquisire in maniera spontanea il preziosissimo deposito di memoria, come già avviene in tutto il mondo.

spartan«Poter contare su un brand di altissima riconoscibilità planetaria – spiega il Presidente dell’associazione Marco De Bartolomeo- equivale ad innescare un percorso narrativo virtuoso facilmente riconoscibile, di grande suggestione, declinabile in una pluralità promozionale di alto livello compresi i grandi eventi proponibili su scala mondiale e/o ospitare quelli già esistenti che hanno adottato questo esclusivo ed affascinante deposito di memoria. È facile comprendere quindi che la non adozione formale del brand da parte del comune di Taranto limiti alla città uno slancio propulsivo promozionale su ampia scala e di immediati risultati».
In quest’ottica l’arrivo del grande evento Spartan Race «non può che evidenziare la mancanza di una programmazione puntuale, organica e strutturale del rilancio dell’immagine e del sistema produttivo potenzialmente ad essa accostabile».
L’associazione “Taranto, la città Spartana”, per garantire un’adeguata accoglienza agli atleti, ha poi avanzato diversi suggerimenti: l’utilizzo di bus “spartani” per il trasporto degli atleti dagli aeroporti di Bari e Brindisi a Taranto; l’attivazione di una carta servizi, “Taranto spartan Card”; l’installazione di banner pubblicitari e bandiere col brand spartano sparsi per la città. Ed ancora, si pensa alla realizzazione di un video promozionale sulla Spartan Race a Taranto e la promozione di un itinerario turistico che comprenda la visita agli ipogei, alla città vecchia, al Castello Aragonese, al Museo Diocesano e al Museo MArTA, per onorare la tomba dell’Atleta di Taranto.
Nel corso della conferenza stampa è stato precisato che sarà l’organizzazione “Spartan Race Italia” insieme a Comune e Regione ad illustrare tutti i dettagli relativi alla manifestazione e a rendere noto il luogo ed il percorso di svolgimento della gara.

Chiaramente la definizione “Bella addormentata” nel titolo dato da noi al comunicato stampa, si riferisce all’amministrazione comunale tarantina, che ad oggi poco o nulla sta facendo per ospitare questa magnifica manifestazione sportiva di livello planetario!

Write A Comment