Breaking
Ad
Ad
Ad
TARANTO FC

Taranto, fiducia per il ricorso

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

È durata circa un’ora la conferenza stampa allo Iacovone con il vicepresidente Sapio, il direttore Montella e il legale che ha rappresentato il Taranto presso il TFN, Avv. Fistetto.

La sentenza del TFN, che ha inflitto un punto di penalizzazione al Taranto e tre mesi di inibizione al presidente Giove, è arrivata come un fulmine a ciel sereno, in un momento topico della stagione in cui i rossoblu sono impegnati in una difficile ma non impossibile rimonta in classifica.

Da quanto esposto in conferenza, sembra ci siano fondate speranze per la restituzione del punto di penalizzazione e l’annullamento della squalifica di Giove, in sede di Appello. Ricorso quindi in preparazione da parte dei legali rossoblu a cui darà manforte il noto esperto in materia di giustizia sportiva, l’Avv. Chiacchio.

I rappresentanti della società rossoblu hanno spiegato dettagliatamente su cosa si basa la sentenza.

In particolare la sanzione fa riferimento ad una mensilità relativa al mese di giugno 2017, non corrisposta ai giocatori Stendardo Altobello e Maurantonio, nei termini utili a consentire l’iscrizione al campionato di D 2017-18.

È stato evidenziato in sede legale che la società aveva un contenzioso aperto con i tre calciatori, risalente alla vecchia compagine societaria, per i mesi marzo aprile e maggio 2017, che in sede di iscrizione al campionato furono dichiarati validi dalla Covisod, sancendo la regolare iscrizione del Taranto al campionato di D 2017-18.

In seguito il presidente Giove, nel dicembre 2018 appena insediatosi e pochi giorni dopo la sentenza del lodo arbitrale che condannava il Taranto alla corresponsione delle mensilità arretrate di cui sopra, provvedeva al saldo di quanto dovuto entro i termini previsti dal lodo stesso.

Successivamente veniva aperto un nuovo lodo arbitrale da parte dei tre giocatori per le spettanze del mese di giugno 2017, che veniva saldato da Giove prima di arrivare a sentenza, nel giugno 2018.

Il Taranto quindi baserà il ricorso cercando di evidenziare come la società si sia mossa nel rispetto di normative e sentenze, motivo per il quale la decisione del TFN di sanzionare così pesantemente la squadra a distanza di due anni dai fatti del marzo 2017, potrebbe essere ribaltata in Appello.

Il presidente Giove è intervenuto a margine della conferenza, in quanto squalificato, esortando l’ambiente a restare compatto nel sostenere la squadra per le prossime dieci partite che restano.

Write A Comment