Breaking
Ad
Ad
Ad
TARANTO FC

Taranto, bene nel mese di dicembre: ora servono rinforzi

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Davvero di pregevole fattura il mese di dicembre per i colori rossoblù. Oltre a rimanere imbattuto per tutte le decadi dicembrine, il Taranto è riuscito anche a sbloccarsi fuori casa migliorando il suo ruolino di marcia lontano dallo Iacovone. Proprio nella prima partita del mese, la squadra ionica riesce ad imporsi in quel di Pescara vincendo soprattutto grazie a un capolavoro tattico di mister Capuano che ha ridato la vittoria in trasferta ai rossoblù dopo un anno esatto. Nel susseguirsi delle giornate, il Taranto ritrova compattezza e solidità difensiva, peculiarità che hanno consentito di subire solo una rete in tutto il mese. La vittoria contro il Monterosi è stata un’iniezione adrenalinica per la compagine ionica che è riuscita a fare la voce grossa anche a Messina vincendo di fronte una squadra remissiva, sicuramente destinata ad un campionato di sofferenze. Il punto conquistato in casa contro il Monopoli nell’ultima gara di dicembre, proietta Antonini e compagni verso una posizione di classifica più consona al blasone della città pugliese.

Chiaro che l’ultimo mese non può e non deve fare illudere nessuno, questa squadra ha bisogno di migliorare soprattutto a centrocampo e in attacco. Il rientro di Provenzano ha dato più equilibrio alla mediana ionica ma purtroppo i problemi fisici di Diaby e le altalenanti prestazioni di Gaston Romano, Mazza e di Brandi prima che si infortunasse, obbligano il Taranto a cercare nel mercato di gennaio un centrocampista duttile che dia garanzie fisiche e tecniche. In avanti Tommasini nelle ultime settimane ha confermato di poter essere una valida alternativa per la punta che la società ionica avrà il dovere di acquistare. Urgono gol che Infantino e La Monica non sono riusciti a dare, insomma se la dirigenza rossoblù vorrà arrivare all’obiettivo playoff dovrà necessariamente dare un attaccante di spessore a questa squadra.

VOTO AL MESE DI DICEMBRE: 7.5

A cura di Anthony Carrano

Write A Comment