Breaking
Ad
Ad
Ad
CALCIO

TARANTO: ATTENTO AL LUPO…SCOPRIAMO IL COSENZA DI ROSELLI.

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Taranto-Cosenza, analisi della squadra avversaria.

Dopo la bella prova offerta domenica scorsa contro il Matera e pareggiata per 1 a 1, il Taranto si prepara alla prima trasferta stagionale. Alle 20.30 di Domenica 4 settembre gli jonici saranno impegnatati in Calabria contro il Cosenza del Mister Giorgio Roselli.

La sorpresa della prima giornata sono stati proprio i cosentini che hanno vinto il sentitissimo derby col Catanzaro fuori casa con un secco 0 a 3. La società dei lupi ha fatto interventi oculati sul mercato estivo e punta decisamente ai play off dopo averli sfiorati la stagione scorsa. Ecco per singolo reparto come è strutturato il Cosenza:

DIFESA: In porta il titolare è Perina (92). Davanti a lui dovrebbero giocare con una classica difesa a 4 Corsi, Tedeschi, Blondett e Pinna.

CENTROCAMPO: Qui l’allenatore schiera 4 centrocampisti in linea più un trequartista a seconda delle esigenze. Gli attori a Catanzaro sono stati D’Anna, Caccetta, Criaco e Statella. Quest’ultimo lo ricordiamo in diversi campionati professionistici con le maglie di Bari, Salernitana, Torino etc. Giocatore di fascia dalle spiccate doti offensive a cui bisogna prestare particolare attenzione.

allan

ATTACCO: In avanti sono stati fatti i colpi migliori con gli arrivi dell’ex Martina Alain Pierre Baclet (86) giocatore francese (in foto) con trascorsi in serie B con Arezzo e Lecce autore di ben 13 reti lo scorso anno, e dell’ex Monopoli, Brindisi e Taranto Giuseppe Gambino punta dal fisico possente. Il terzo attaccante di indiscusse qualità in rosa è Giovanni Cavallaro, punta brevilinea che salta facilmente l’uomo. Lo ricordiamo bene perché fu corteggiato lo scorso anno anche dal Taranto, quando in panchina c’era Mister Campilongo, suo grande estimatore. Cavallaro declinò l’offerta proprio per accettare quella del Cosenza e non scendere di categoria.

In buona sostanza il Cosenza è una squadra costruita su una base già solida, con pochi giocatori nuovi, allenata da un “vecchio marpione” della categoria, quel Giorgio Roselli che da anni siede in panchine di terza serie. Sarà una partita spigolosa e vedremo finalmente il Taranto lontano dallo Iacovone come si saprà comportare. È d’obbligo dire ATTENTI AL LUPO…

EMANUELE DI PALMA

Write A Comment