Breaking
Ad
Ad
Ad
Tag

Featured

Browsing

Il Taranto perde 2-0 allo Zaccheria e continua la striscia negativa, 6 partite senza vittorie e gol realizzati. Un rigore discutibile apre la strada al Foggia al 38′, il 2-0 in chiusura di frazione chiude la gara con un tempo d’anticipo. Derby amaro per i rossoblu, una sconfitta prevedibile ma che lascia l’amaro in bocca per la prestazione, troppo rinunciataria, soprattutto nella ripresa quando, a risultato già compromesso, il Taranto non è mai riuscito a rendersi pericoloso, se non a 5′ dalla fine con Labriola. Capuano cambia qualcosa nello schieramento iniziale, con Sciacca preferito ad Evangelisti e Manetta, Mazza centromediano con Crecco ed il rientrante Diaby ai lati, Bifulco in coppia con Semprini davanti. L’idea di base era sfruttare gli eventuali spazi in contropiede, lasciando l’iniziativa ai due attaccanti, poco supportati in verità dal resto della squadra. Foggia che sbatte contro il muro ionico per 38 minuti nei quali si…

35 precedenti in casa dauna tra Foggia e Taranto con un bilancio che vede i rossoneri in vantaggio 14 vittorie a 9, 12 i pareggi, 42 a 37 il conto dei gol. Gara storica che aggiunge un altro capitolo al derby più giocato in Puglia. Quando una doppietta segna il canto del cigno di un giocatore: Salvatore Pesce e l’esordio di Pietro Maiellaro. In gol firme importanti di entrambe le squadre: tra gli altri Martino Castellano, unico ad aver segnato in 3 derby diversi, Mario Tortul, Angelo Paina, Franco Selvaggi ed Hernan Molinari nel Taranto, Roberto Rambaudi, Giacomo Libera e Nello Saltutti nel Foggia. 11 le gare disputate in B (compreso il primo precedente in 1ª divisione nel 1927-28), 21 in C, 1 in C2 e 2 in D. Trasferta difficile sicuramente, ma in 21 occasioni su 34 il Taranto ha ottenuto almeno un punto. Ultima vittoria dei rossoblu in…

Il pareggio interno contro la Gelbison è un risultato che si può accettare per come si è sviluppata la gara: un Taranto in difficoltà nel proporre gioco e nel concludere a rete, imbrigliato da una Gelbison che, nella ripresa, ha anche annusato la possibilità di fare sua l’intera posta in palio. Capuano, visibilmente deluso, ha cercato di spiegare i motivi della brutta prestazione corale, assumendosi la responsabilità piena del risultato, ancora una volta uno 0-0, nonostante le premesse della vigilia. Giocatori nuovi e non pronti fisicamente, infortuni a gara in corso, regola del minutaggio hanno influito certamente sulla prestazione complessiva della squadra. Ma, a sensazione, mister Capuano, sin da subito indicato da noi come l’unico “fuoriclasse” in rosa, stavolta ha voluto sperimentare. L’infortunio di Antonio Romano poteva essere gestito inserendo subito Provenzano, spostando Labriola sul centro destra. L’innesto di Semprini ha portato ad una prima variazione di modulo, con Bifulco…

Fonte Cosmopolismedia.it (Mimmo Frusi) E’ venuto a mancare, a causa di un malore improvviso, l’ex calciatore rossoblu che aveva messo a segno ben 22 reti in 85 presenze in riva allo ionio Vito Chimenti, ex attaccante del Taranto tra il 1982 e 1985, si è spento all’età di sessantanove anni a causa di un malore improvviso (infarto) accusato negli spogliatoi del campo sportivo di Pomarico (Matera) prima della partita di Eccellenza lucana Pomarico-Real Senise, che non è stata poi disputata. A nulla è servito l’intervento degli operatori del 118 che hanno tentato invano a più riprese di rianimare l’ex calciatore rossoblu che con la maglia del Taranto aveva collezionato 22 marcature in 83 presenze e aveva vinto un campionato di serie C nel 1984-85. Tra le altre, Vito Chimenti, nativo di Bari, aveva vestito le prestigiose maglie di Salernitana, Avellino, Catanzaro e Avellino. Il forte attaccante divenne anche celebre per…

Terzo 0-0 consecutivo in casa e quinta gara di fila senza reti per i rossoblu che nel 2023 non hanno ancora mai segnato un gol e anche oggi, in casa, contro la formazione di Vallo della Lucania, hanno dimostrato lo scarso feeling con la marcatura che manca dalla gara di Messina del 18 dicembre scorso Non ha disatteso le aspettative il match di oggi allo Iacovone tra Taranto e Gelbison, nel quale si incontravano i due peggiori attacchi del campionato. Zero alla casella dei gol fatti, e poche le emozioni di una gara, giocata comunque su buoni ritmi ma che ha sottolineato la problematica ormai consolidata delle due compagini a trovare la gioia del gol. Capuano sceglie il solito 3-5-2 e lancia nella mischia dal primo minuto il nuovo arrivato Luca Crecco che scende in campo con la maglia numero 11 e si schiera nel terzetto di centrocampo, completato da…

Di seguito tutti i precedenti del Taranto in data 29 gennaio. Curiosità e marcatori in sfide che in alcuni casi hanno segnato in modo decisivo la stagione. Il gol di Iacovone a Pistoia, capocannoniere del campionato alla prima giornata di ritorno, l’ultimo squillo del centravanti molisano. 29/01/1933 1ª Divisione Molfetta-Taranto1-0 55′ Zito Campionato che il Taranto terminerà al secondo posto nel girone alle spalle del Foggia, nonostante un girone di ritorno iniziato con questa sconfitta a Molfetta ma proseguito con 8 vittorie su 9 gare compreso il successo per 2-0 in trasferta proprio a Foggia. 29/01/1939 serie C Taranto-Brindisi1-1 37′ Chiara (Br), 46′ Negri Pareggio nel derby col Brindisi. Gol di Giulio Negri, centrocampista, una sola stagione in rossoblu con 5 reti in totale. In seguito diventerà il giocatore con più presenze in assoluto con la maglia del Savoia. 29/01/1950 serie B Arsenaltaranto-Prato 2-1 11′ Michelini (Pr), 34′ Di Fonte, 59′ Arcari…

Fonte cosmopolismedia.it (Dario Gallitelli) Gli arrivi di Sciacca, Crecco, Bifulco, Semprini e Rossetti hanno cambiato i rossoblu di Capuano che domani ospitano i campani C’è la Gelbison sulla strada dei rossoblu che dopo il pari senza reti rimediato nel derby del “Degli Ulivi”, hanno adesso la chance per riprendere la corsa verso il traguardo salvezza. Gara complicata quella che attende Ferrara e compagni che ospitano sul green amico una delle mine vaganti del campionato, che dopo aver strapazzato nel match d’andata il peggior Taranto dell’era Capuano possono adesso contare anche sulla voglia di rivalsa del fresco ex Saveriano Infantino, le cui dichiarazioni polemiche circa il modus operandi del tecnico di Pescopagano hanno rischiato di accendere una polemica, sapientemente gestita e domata dall’esperto Capuano, che ha deciso di non commentare, volgendo le proprie attenzioni esclusivamente verso il calcio giocato. Sfida salvezza quindi, condita anche dall’asse di mercato instaurato dalle due società e rafforzato con l’approdo a Taranto…

Ancora un pareggio per 0-0, il terzo nelle ultime 4 gare per il Taranto, stavolta al termine di una gara che ha visto entrambe le formazioni cercare la vittoria. Un punto prezioso in chiave salvezza diretta per i rossoblu, ottenuto in casa di una diretta concorrente. Il Taranto pareggia ancora per 0-0, ma stavolta è un risultato bugiardo, per le diverse occasioni sciupate su entrambe le sponde. Poteva finire 2-2 o addirittura 3-3, ma almeno ci siamo risparmiati l’altalena di emozioni che non sempre fa bene alle coronarie. Alla fine si resta col dubbio se il punto sia guadagnato o perso, visto l’andamento della gara. Capuano ha schierato i suoi optando per un under in meno nella formazione iniziale, con Manetta che ha ripreso una maglia da titolare, Mazza preferito a Labriola a centrocampo e Semprini in coppia con Bifulco in avanti. Sull’altra sponda, gara d’esordio per il neo tecnico…

L’assenza di Tommasini per squalifica obbliga Capuano a ridisegnare l’attacco. Probabile l’esordio dal 1′ di Bifulco in appoggio a Rossetti. Ma non è l’unica scelta obbligata per il mister tarantino: l’assenza di Evangelisti, anch’egli per squalifica, unita alla mancanza di ulteriori giovani difensori (fatta eccezione per l’esterno sinistro Canalicchio), pone l’esigenza di posizionare altrove il terzo under. Probabile dunque un centrocampista under in più dall’inizio, il papabile è Mazza, con Antonio Romano che partirebbe dalla panchina. Davanti a Vannucchi, difesa obbligata: Manetta-Antonini-Formiconi. A centrocampo Mastromonaco-Mazza-Provenzano-Labriola, in avanti Bifulco e Rossetti. Formazione: Vannucchi, Manetta Antonini Formiconi, Mastromonaco Mazza Provenzano Labriola Ferrara, Bifulco Rossetti. In panchina Loliva, Caputo, Canalicchio, Chapi, Diaby, Semprini, La Monica.

Andria e Taranto si affrontano per la dodicesima volta in campionato in terra andriese. Nei precedenti 11 incontri al “Degli Ulivi” bilancio che vede i biancazzurri di casa in vantaggio con 5 vittorie contro 2 dei rossoblu, 4 i pareggi. 12 a 6 il conto dei gol. Sfida relativamente recente dato che il primo incontro si è giocato in C1 nel 1990 (0-0). L’unico precedente in B nel campionato ’92-’93, con la Fidelis Andria che si impose per 2-0 con le reti dell’ex Insanguine e Caruso. Vittoria del Taranto nel campionato di C2 del 2005-06, 0-1 con gol di De Liguori. Nel 2009 in C1 sconfitta per il Taranto per 2-1. Per l’Andria gol del momentaneo raddoppio di Ousmane Sy, che l’anno seguente vestirà la maglia rossoblu. Nel 2011 in Prima Divisione 0-0 per il Taranto di Davide Dionigi in una gara con pochissimi tiri in porta. Nel 2014 in…