Breaking
Ad
Ad
Ad
CALCIO

Serie B, Perugia-Pescara 4-5 (dcr): umbri in C

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Al Curi decisiva la lotteria dei tiri dal dischetto, Buonaiuto e Iemmello tradiscono i padroni di casa. Di Masciangelo il rigore decisivo

È il Pescara a conquistare la salvezza sul campo del Renato Curi nel ritorno dei playout di Serie B, gara che invece condanna alla retrocessione il Perugia dopo sei stagioni nel campionato cadetto. Dopo il 2-1 dell’andata e il medesimo risultato in favore dei biancorossi al termine dei regolamentari, sono gli errori dal dischetto di Buonaiuto e Iemmello ai calci di rigore a decidere le sorti dell’incontro a favore degli abruzzesi.

undefined

Dopo un anno travagliato, è il Pescara che può gioire per una salvezza conquistata all’ultima occasione utile sul campo del Perugia. La squadra di Oddo, pur vincendo lo scontro nei regolamentari e raddrizzando il confronto rispetto alla sfida d’andata, si è dovuta arrendere alla lotteria dei calci di rigore e ora, aggiungendosi alle già retrocesse Livorno, Juve Stabia e Trapani, sarà costretta a ripartire dalla Serie C.

Sfruttando la fiducia data dal 2-1 dell’andata, sono gli ospiti a partire subito forte ed è Pucciarelli, dopo un paio di tentativi di Galano e Maniero, a sbloccare il match da pochi passi al 15’. La reazione degli umbri è immediata e dopo soli tre minuti è Kouan (a segno anche cinque giorni fa) a farsi trovare pronto di testa sul corner “spizzato” da Rosi per il gol che riporta immediatamente la contesa in parità sull’1-1.
Incassato il pareggio, è il Pescara a riprendere in mano il pallino del gioco ma a sorpresa, al 40’, sono i padroni di casa a colpire con Melchiorri che, su corner battuto da Nicolussi, centra il 2-1 riequilibrando il confronto. La ripresa si rivela decisamente meno spumeggiante dei primi quarantacinque minuti: fatica, tensione e caldo la fanno da padroni e la partita finisce per perdere smalto.

La girandola di sostituzioni a cui ricorrono i due allenatori non cambia le carte in tavola e così ci si avvia prima ai supplementari e poi ai rigori dove Galano è il primo a sbagliare, ma a pesare di più sono gli errori successivi di Buonaiuto e Iemmello che sanciscono la discesa in C del Perugia consegnando la salvezza agli uomini in biancoazzurro.

Fonte sportmediaset.it

Write A Comment