Breaking
Ad
Ad
Ad
CALCIO

Serie B, ancora un’estate di ricorsi

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Il verdetto del playout ha sancito la retrocessione del Venezia e la salvezza della Salernitana di Lotito che, a risultato ottenuto, ne ha avuto un po’ per tutti. Il proprietario della Lazio e uomo forte del calcio italiano, ha sottolineato la bontà, secondo lui, delle decisioni prese dalla Lega di B all’indomani della retrocessione a tavolino (poi revocata) del Palermo, con la cancellazione del playout e la retrocessione diretta del Foggia.

Una decisione che ha provocato il caos playout si-playout no e che ha portato il Venezia dall’essere salvo sul campo ad una clamorosa retrocessione nel giro di dieci giorni.

Il presidente dei lagunari Joe Tacopina, sfoga cosi la sua rabbia in conferenza stampa:”Non è facile parlare, sto vivendo sentimenti contrastanti, sono molto arrabbiato e disgustato per quello che sta succedendo. Un mese fa abbiamo ricevuto la lettera di Balata che diceva che il Venezia era salvo. Sono da 10 nel calcio italiano, amo questo Paese e questo sport, però è chiaro che per motivi come queste ci sono persone disgustate, anche i miei investitori. Metti delle regole e non vengono rispettate”. In più Tacopina avanza dubbi sulla possibilità del Palermo di provvedere alla prossima iscrizione al campionato di serie B.

Oggi il Tar dovrà decidere intanto su due ricorsi: il primo del Foggia per l’annullamento dei playout a seguito della retrocessione del Palermo, che avrebbe garantito ai dauni lo spareggio contro la Salernitana. Il secondo del Venezia che chiedeva la sospensione cautelativa del playout fino a sentenza finale sul Palermo.

Infatti la vicenda dei rosanero è tutt’altro che finita. La procura Federale ha pronto il ricorso al Coni contro la decisione della Corte D’Appello di tramutare la retrocessione in C del Palermo in una penalizzazione di 20 punti.

Insomma, sarà un’altra estate di ricorsi per la serie B.

Write A Comment