Breaking
Ad
Ad
Ad
Uncategorized

SCOPRIAMO L’ANDRIA DI FAVARIN

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Sabato prossimo alle 20.30 derby serale per il Taranto che si recherà allo stadio “Degli Ulivi” di Andria per affrontare la compagine locale. 

Momento non proprio felice per i rossoblù che vengono dallo scialbo 0 a 0 casalingo contro la Casertana e che sono immischiati in piena zona play out.  

Il mercato si è chiuso martedì scorso, ma i nuovi arrivi (giovani la maggior parte) non hanno convinto la tifoseria, che si aspettava almeno un regista a centrocampo in grado di dare un po’ di qualità nella zona nevralgica del campo. L’estenuante trattativa per Musacci, corteggiato per un mese intero, è finita con un nulla di fatto, per il veto posto sulla sua vendita dal presidente del Messina e dal tecnico Lucarelli. 

Questo tira e molla ha spiazzato De poli ormai convinto di poter acquistare il giocatore ex Parma che con poco tempo a disposizione non è riuscito ad imbastire altre trattative valide. 

Le mancate cessioni di Pirrone, Balzano, Balistreri e Lo Sicco hanno fatto il resto. Ora bisogna ricucire i rapporti con questi calciatori, Pirrone su tutti, che possono comunque tornare utili alla causa salvezza.

Veniamo adesso alla nostra prossima avversaria, analizzando i singoli reparti e le novità di mercato.

Mister Favarin predilige il 3/5/2. In porta il titolare nelle ultime giornate è stato il rumeno classe 97 Pop, giovane di belle speranze e molto promettente. Davanti a lui terzetto con Aya, Rada e poi Curcio. I tre centrali sono molto forti fisicamente. Centrocampo che ha perso il forte Matera (97) passato al Benevento proprio l’ultimo giorno di mercato, ma è composto comunque da gente esperta e di categoria come Piccinni (87) e il rumeno Onescu (93) che giocano centrali. Sugli esterni invece i bravi Tartaglia a destra, ma soprattutto Tito a sinistra, ex di Ischia e Foggia. 

Il reparto avanzato è stato ritoccato con Antonio Croce dal Teramo, giocatore tra l’altro dato vicino al Taranto in questo mercato in un fantomatico scambio con Magnaghi. Ottimo rinforzo per gli andriesi con un calciatore esperto che i suoi gol li ha sempre fatti e col Taranto sembra avere un conto in sospeso dato che puntualmente finisce nel tabellino dei marcatori ogni qual volta affronta i rossoblù. Insieme a Croce in attacco ci sono il brasiliano Sergio Pereira Cruz (88), il giovane Cianci (96) e Volpicelli (92).

Partita di fondamentale importanza per il Taranto anche e soprattutto perché dopo Andria ci saranno due partite sulla carta proibitive, Foggia in casa e poi in trasferta a Catania. Prosperi e De Gennaro hanno in mente un cambio di modulo per cercare di risolvere la sterilità offensiva, portando Viola a giocare più vicino alla porta come è nelle sue caratteristiche. 

EMANUELE DI PALMA

Write A Comment