Breaking
Ad
Ad
Ad
Uncategorized

Scopriamo la Reggina di Zeman e Toti Porcino

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Continua il periodo nero per il Taranto, che anche nel derby con la Virtus Francavilla ha deluso i propri tifosi, uscendo tra i fischi dello Iacovone. Domenica prossima partita delicatissima contro la Reggina, altra squadra in serie difficoltà di classifica. I calabresi vengono da una sonora sconfitta a Melfi con poche attenuanti sul piano del gioco. Gli amaranto proprio come il Taranto hanno beneficiato del ripescaggio e forse stanno pagando il ritardo nelle operazioni di mercato e la poca esperienza di molti giocatori tra i professionisti. L’allenatore è un figlio d’arte, Karel Zeman. Suo padre è il famoso Zdenêk. Analizziamo adesso la Reggina per singolo reparto:

DIFESA: In porta Andrea Sala (93) ex secondo portiere della Ternana. Mancherà per squalifica il centrale De Bode espulso a Melfi. In rosa troviamo fra i giocatori più rappresentativi il serbo Kosnic (94), l’ex Pro Patria Possenti (92), il confermato Marco Cane (92) e Gianola (89) ex Albinoleffe lo scorso anno.

CENTROCAMPO: La mediana si schiera sempre a 3 con Simone Botta come “mente pensante“. L’italo-svizzero è uno dei giocatori più esperti, lo ricordiamo in serie cadetta con le maglie di Vicenza, Ternana e Genoa. Ai suoi lati dovrebbero giocare De Francesco (94) e il congolese Andy Bangu (97) vera sorpresa di inizio campionato, proveniente dal settore giovanile della Fiorentina. Completano il reparto gli ex primavera dell’Inter Knudsen e Romanó.

ATTACCO: Come il padre anche Karel ama giocare con le 3 punte e qui troviamo il nostro ex Toti Porcino trasformato in vero e proprio esterno offensivo d’attacco. Nella sua carriera ha sempre fatto il terzino o esterno in un centrocampo a 5. Questo nuovo ruolo sembra non incidere negativamente sulle prestazioni ed anzi l’ex rossoblu si sta comportando molto bene avendo già realizzato 3 reti. La prima punta è il famoso Claudio Coralli ex Cittadella, giocatore ingaggiato dopo il ripescaggio per puntellare il reparto offensivo. Da lui i tifosi si aspettano molti gol nonostante fino ad ora abbia siglato solo 4 marcature. Il terzo attaccante che dovrebbe giocare titolare è il confermato Fabio Oggiano (87).

 Dall’analisi emerge una squadra abbastanza giovane con pochi elementi in grado di fare la differenza ed i risultati lo testimoniano. Per Domenica si prospetta una gara delicata con i punti in palio che varranno doppio vista la delicata situazione di classifica di entrambe le squadre. A Taranto si respira aria tesa con Prosperi sempre in bilico. Vedremo se questa volta Stendardo e Viola partiranno fra i titolari a Reggio Calabria. L’ennesima rivoluzione di formazione é in corso…!

EMANUELE DI PALMA

 

 

Write A Comment