Breaking
Ad
Ad
Ad
CALCIO

Ripescaggi, la situazione ad oggi

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Il Mantova rinuncia definitivamente al ripescaggio. Il presidente Setti, proprietario del Verona, dichiara che non può procedere al ripescaggio perché non possibile da normativa.

Un altro pretendente in meno alla corsa al ripescaggio per il Taranto.
Ma vediamo com’è la situazione ad oggi.

Tre dei sei posti disponibili andranno alle retrocesse dalla C che presumibilmente saranno Virtus Verona, Bisceglie e Paganese, col Fano momentaneamente out perché il presidente è dimissionario.
La società marchigiana potrebbe accedere alla riammissione solo con l’aiuto di un club di A o B, quindi diventando una sorta di seconda squadra.

Per i ripescaggi, quindi per gli ulteriori tre posti disponibili, Modena, Cerignola, Pro Sesto, Turris, Reggio Audace e Taranto in ordine di graduatoria, col Taranto ultimo a causa della regola dei cinque anni.

Attualmente però, solo il Modena sembra al riparo da sorprese e davanti al Cerignola per via del punteggio dovuto alla tradizione sportiva.

Le altre sono tutte in bilico. Il Cerignola ha una situazione difficile da decifrare sull’impianto cittadino. La Pro Sesto non ha ancora fatto sapere nulla di ufficiale circa la possibilità di fare domanda. Stessa cosa per quanto riguarda la Reggio Audace, che ieri ha registrato l’ingresso di nuovi soci.

La Turris ha il nodo stadio che sembrerebbe precludere definitivamente il discorso ripescaggio. Ed in ultimo il Taranto.

La notizia di oggi della Gazzetta del Mezzogiorno ha scatenato un putiferio social smorzato dalla pronta smentita del DG Montella.
Il Taranto ha intenzione di presentare domanda ed ha già tutta la documentazione pronta” ha dichiarato il Direttore alla nostra redazione.
Una dichiarazione opportuna verso la città, visto l’importanza della questione sul piano della credibilità della società stessa agli occhi della tifoseria e non solo.

Intanto nuvoloni si addensano sulle domande di iscrizione di alcuni club, anche di B (Chievo e Trapani).
Non ci resta che attendere la prossima settimana, aspettando inevitabilmente il proverbiale allineamento degli astri.

Write A Comment