Breaking
Ad
Ad
Ad
Inchieste e curiosità

Riforma bocciata, ora la strada è tracciata

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Con la bocciatura della riforma proposta dal presidente della Lega Pro Ghirelli, è ormai tracciata la linea che porterà ad un ridimensionamento numerico della serie C ed alla istituzione di un campionato cuscinetto tra la terza serie e l’attuale serie D.

Si resta dunque sul classico, niente C su 6 gironi e playoff e playout a go-go.

Troppo ardita e complicata la proposta di Ghirelli, che ha puntato tutto sull’interesse dei piccoli clubs nel mantenere la categoria, dimenticando chi, per blasone ma soprattutto per disponibilità economica delle proprietà, punta ad abbandonare prima possibile la terza serie per entrare nella più redditizia serie B se non addirittura nell’Eldorado della A.

Noi del #dodicesimouomo.it siamo stati sempre critici verso questa proposta, sin dalla prima volta che è stata presentata. Così come lo siamo verso le squadre B, altra nota dolente di un calcio sempre condizionato da interessi di parte.

È evidente che l’attuale campionato ha all’interno una spaccatura netta tra le big a cui sta strettissima la categoria e le piccole che puntano innanzitutto alla sopravvivenza.

Le 24 società che hanno votato contro sono probabilmente quelle che preferirebbero un campionato più selezionato, più simile alla serie B, in modo da avere un ritorno economico maggiore dato dall’aumento di competitività della categoria.

È probabile dunque che si torni all’idea di un paio di stagioni fa, con una C su 2 gironi da 18 squadre nord e sud (ma anche est ed ovest non sarebbe male, come nel 2012) e l’istituzione di quel campionato cuscinetto, la D d’élite su 3 o massimo 4 gironi sempre a 18 squadre.

In un sol colpo si ridurrebbe l’area professionistica mentre la D d’élite si renderebbe necessaria per le società che non rientrerebbero nella nuova C ma per le quali, per livello organizzativo e un seguito importante, l’attuale serie D rappresenta un campionato limitante e sottodimensionato.


Write A Comment