Breaking
Ad
Ad
Ad
CALCIO

Reggiana in B dopo 21 anni, un traguardo non programmato

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

La Reggiana vince la finale playoff contro il Bari. Un risultato che non è certo una sorpresa, per quello che entrambe le squadre hanno fatto nei turni precedenti, con un cammino tutt’altro che entusiasmante ma una finale garantita dal miglior piazzamento in classifica nella stagione regolare.

Entrambi i clubs hanno giocato solo due turni, pareggiando il quarto di finale con un certo affanno: la Reggiana con un faticoso 0-0 contro il Potenza (che fallisce anche il rigore decisivo con França, uno che non sbaglia mai), il Bari pareggiando 1-1 contro la Ternana, con una performance arbitrale non ottimale, riuscendo peraltro a farsi raggiungere dall’avversario ridotto in 10.

Nelle semifinali, Novara e Carrarese battute per 2-1, con il Bari (soprattutto) in affanno che ha vinto la sua gara all’ultimo minuto del secondo tempo supplementare.
La finale ha avuto l’esito scontato. Chi avrebbe segnato prima si sarebbe portato match e promozione a casa. Il presunto vantaggio tecnico dei baresi è stato annullato dalla voglia e dalla brillantezza della Reggiana, con un ambiente meno pressante ed un pronostico che la vedeva sfavorita, al di là dei reali valori in campo. L’episodio del gol del pari, annullato per un fallo di mani di Antenucci, è pesantissimo sull’esito di questo genere di partite, nelle quali proprio gli episodi si rivelano spesso decisivi in favore di una squadra e a discapito dell’altra. Tra gli episodi che hanno indirizzato la partita, possiamo metterci anche l’infortunio di Simeri dopo 5′ di gioco, proprio colui che aveva portato in finale il Bari con il suo gol in extremis alla Carrarese.

Nel complesso, meritata la vittoria della Reggiana, andata più vicina al gol, con due legni colpiti prima del vantaggio di Kargbo, 21enne della Sierra Leone in prestito dal Crotone. Un predestinato del quale sentiremo presto parlare in serie A.

Reggiana che torna in B dopo 21 anni di purgatorio e, soprattutto, dopo la rinascita in D di appena due anni fa, con ripescaggio in C ottenuto l’anno scorso dopo il terzo posto nel girone vinto dalla Pergolettese nello spareggio contro il Modena. Un traguardo non programmato dalla società emiliana, che non era tra le favorite di inizio stagione, ma i playoff hanno storia a sé, da sempre.

Write A Comment