Breaking
Ad
Ad
Ad
TARANTO FC

Pagelle: È tornato “Peppiniello”

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Sposito 6,5

Sempre attento e ben piazzato. Un paio di parate non semplici. Non era facile oggi con il pallone viscido. Terza gara consecutiva senza subire gol. In crescita continua in personalità.

Pelliccia 7
Si procura il rigore del vantaggio, frapponendosi tra l’avversario ed il pallone. Conferma lo stato di forma ottimale da quando è rientrato da titolare.

Manzo Luigi 7
Un gigante insormontabile. Punto di riferimento della difesa e sempre più leader aggiunto della squadra.

Benvenga 6,5
Dalla sua parte agiva Nolé, uno dei più pericolosi del Francavilla. Lo argina a dovere, anche con l’aiuto di Ferrara.

Ferrara 6,5
Antonio non tradisce mai, anche oggi puntuale negli interventi. Meno presente in fase offensiva, ma era importante non scoprirsi su un campo del genere.

Manzo Stefano 7
In forma strepitosa. Questi campi, ovviamente, lo gasano ancora di più. Esce perché ammonito.

Cuccurullo 6,5
Ottima prova, tanta sostanza e cattiveria agonistica. Una conferma anche lui, in continua ascesa di prestazioni.

Oggiano 7
Gioca con una voglia di spaccare che non ha eguali. Ancora un assist, per il raddoppio di Genchi. Prende un giallo per un’entrata al limite.

D’Agostino 7,5
Nasconde il pallone come un mago nasconde le carte tra le mani. La palla lavorata e servita a Genchi per il 3-0 è un gesto tecnico da categorie superiori. Cede il rigore al compagno con un gesto d’altruismo e da capitano vero. Prende una traversa su calcio d’angolo.

Genchi 8
Tripletta servita. Si è sbloccato definitivamente, arrivando a quota 8 gol nella classifica marcatori. La migliore notizia di giornata dopo la vittoria: è tornato “Peppiniello”.

Favetta 7
Segna anche lui, un gol davvero pregevole. Ma è la prestazione che è da rimarcare. Sta tornando sui migliori livelli dell’anno scorso.

Matute sv
Pochi minuti per Stefano Manzo prima del risentimento muscolare.

Allegrini 6
Entra per Oggiano sul 3-0. Il Taranto gestisce il congruo vantaggio con un centrale in più. Sta recuperando la miglior condizione.

Masi 6
Dentro per Pelliccia a risultato ormai acquisito, piazzandosi a centrocampo.

Guaita 6,5
Ottimo spezzone in luogo di Genchi. Ha larghi spazi per gli inserimenti in ripartenza, manca il gol di un niente su uno di questi.

Galdean 6
Entra per Matute, in un Taranto che ha soluzioni infinite.

Panarelli 7,5
Mette in campo la squadra col 4-2-3-1, spiazzando un po’ tutti. Torna quindi al vecchio modulo, forse convinto dalle condizioni non ottimali del terreno annacquato. Il suo Taranto continua a segnare con molta facilità, subendo poco e niente. Il ritorno sui livelli che competono di giocatori come D’Agostino, Oggiano, Favetta e in ultimo Genchi, è un merito che si deve riconoscere assolutamente al mister tarantino. Ora predica umiltà, quella che mette in campo la sua squadra contro ogni avversario.

La squadra avversaria: il Francavilla in Sinni 5
Gioca la sua partita opponendo una strenua resistenza al Taranto e non rinunciando mai ad attaccare. La qualità tecnica del Taranto e qualche errore individuale di troppo fanno la differenza.

L’arbitro signor Vingo di Pisa: 7
Finalmente un arbitro che concede un rigore al Taranto (netto) senza timori di accuse di “sudditanza psicologica”, che per i rossoblu hanno avuto spesso effetto contrario, in passato. Sventola molti cartellini, evitando però di eccedere in giustizialismo su un campo al limite della praticabilità.

Write A Comment