Breaking
Ad
Ad
Ad
Uncategorized

Nardò o Paganese? Il pasticcio Made in Italy.

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Sportube.tv per pubblicizzare i pacchetti di Lega Pro Channel, usa questo slogan: “UNA LEGA PRO COME NON L’AVETE MAI VISTA”. Ma sarà soltanto la Lega Pro ad essere “come non l’abbiamo mai vista”? A quanto pare no, stando alle notizie dell’ultima ora riguardanti la Paganese. Oggi 30 Agosto, infatti, il TAR del Lazio emetterà il verdetto definitivo sulla riamissione in Lega Pro da parte della squadra campana. Si parla, ma trattasi delle solite ed immancabili voci di corridoio, di una eventuale bocciatura della Paganese. E in tal caso cosa accadrà? Le domande che un tifoso qualunque si porrebbe, dinanzi a tale “obbrobrio” sono le seguenti: 1) Che ne sarà dei giocatori, dello staff tecnico e della Paganese stessa qualora venisse bocciata anche dal TAR del Lazio? Perché, non dimentichiamoci, lo stesso TAR del Lazio ha “riportato in vita” la Paganese nonostante la bocciatura della FIGC e soprattutto nonostante il ricorso presentato dal team salernitano e poi respinto dal CONI. Sarebbe un controsenso unico e una presa in giro verso i tifosi paganesi rispedire per la seconda volta in un mese all’inferno la loro squadra del cuore, sebbene non meriti minimamente la permanenza in Lega Pro visti i debiti mai pagati nonostante il “sì” ottenuto da Equitalia sulla rateizzazione dello stesso giusto 13 mesi fa. Come suol dirsi in tal caso, errare è umano ma perseverare è diabolico. 2) Se davvero la Paganese venisse bocciata pure dal TAR, a salire in Lega Pro sarebbe il Nardò? E come? Da ripescato, pagando il Fondo Perduto quindi, o da riammesso? Otterrebbe una proroga per quanto concerne il calciomercato oppure anche per la società neretina il termine ultimo sarà quello del 31 Agosto? 3) E se lasciassero la Lega Pro a 59 squadre, senza ripescare più nessun’altra società? Anche se, va detto, il format della Lega Pro per la stagione attuale prevede 60 società ai nastri di partenza. Quindi sarebbe da escludere l’ipotesi di una Serie C a 59 squadre. Siamo dinanzi a una situazione che ricorda per certi versi e vagamente quella di due estati fa, quando Arezzo e Taranto si contesero l’ultimo posto a disposizione nel girone A di Lega Pro, quello settentrionale per intenderci. E all’epoca a spuntarla fu l’Arezzo (ma guarda che caso…) nonostante avesse uno stadio non a norma.

usare-martello-tribunaleOggi la casella mancante potrebbe esserci nel girone C, ciò vuol dire che logicamente potrebbero ripescare una società del Sud Italia, ossia il Nardò che compare nella famosa graduatoria delle semifinaliste dei play-off di LND. Non vanno mica a ripescare il Cuneo (società piemontese e retrocessa dalla Lega Pro). Sono domande che ci poniamo sempre stando alle ultime “soffiate”. Domande alle quali non sappiamo dare una risposta. Può anche essere che il TAR riammette la Paganese e tutto torna come prima. Siamo in Italia, può avvenire e ci dobbiamo aspettare di tutto oramai. Cosa fondamentale sarebbe non falsare questo campionato, sarebbe un vero peccato…

Nicola Delisiis

Write A Comment