Breaking
Ad
Ad
Ad
TARANTO FC

Indiscrezioni e smentite, ma la tifoseria sogna

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Il Taranto fa gola ad investitori esteri? Cosi dicono a Sportitalia, ma la società smentisce. Intanto il campionato inizia e la società rossoblu “dimentica” la campagna abbonamenti, rinunciando per il terzo anno consecutivo alla fidelizzazione del tifoso.

Stavolta è stata Sportitalia, un canale sportivo nazionale, a dare la notizia di un gruppo di investitori esteri, forse svizzeri, pronto a rilevare il Taranto.

Uno scoop che ha fatto subito il giro della città e di tutti i siti d’informazione sportiva, non solo locali. Così come la smentita immediata di Vittorio Galigani, contattato da Blunote.it. E mentre su Sportitalia si conferma la prima indiscrezione, la società rossoblu risponde con un comunicato stampa nel quale si riserva di adire a vie legali contro chi mette in gira fake news atte a destabilizzare l’ambiente.

Nulla di vero dunque? O smentite di circostanza? Intanto domenica inizia il campionato, la società rossoblu ha scelto di non fare alcuna presentazione ufficiale della squadra e di non aprire la campagna abbonamenti, due decisioni che saranno state valutate attentamente, ma che non aiutano a creare la giusta empatia tra squadra e città.

È innegabile come le polemiche (soprattutto sui social) possano essere talvolta pretestuose e esagerate, ma la normalità della gestione di un club di calcio non può prescindere dal coinvolgimento della tifoseria, del cui sostegno, a Taranto, sembra invece non essercene più bisogno. Le critiche, a volte molto più aspre di quanto lo siano quaggiù in riva allo Jonio, sono una costante dappertutto ed in tutte le categorie e non è per questo che le altre società di calcio rinuncino a prescindere a qualsiasi forma di fidelizzazione.

Il presidente Giove ha il merito di aver riportato il Taranto tra i professionisti ma, se dovessero materializzarsi le circostanze giuste, non dovrebbe farsi scappare l’occasione di mantenere la promessa più volte ribadita in passato: cedere la società in presenza di un investitore importante capace di garantire, finalmente, il salto di qualità al Taranto e, di conseguenza, alla città ed alla tifoseria che, intanto, torna a sognare un futuro più ambizioso, seppur per un solo pomeriggio di fine agosto.

Write A Comment