Breaking
Ad
Ad
Ad
TARANTO FC

Il Taranto perde ancora… e ora?

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Il Taranto perde all’ultimo respiro il derby col Foggia. Un risultato che spinge i dauni in testa alla classifica e lascia il Taranto a 9 punti dopo sei giornate.

Ragno conferma modulo e uomini reduci dalla sconfitta di domenica scorsa col Sorrento, fatta eccezione per l’impiego di Benvenga in luogo di Guaita, infortunato e in tribuna.
Ancora fuori D’Agostino, con Genchi e Favetta coppia d’attacco.

Il Foggia parte meglio con una pressione sterile nella metà campo tarantina. Allegrini lascia subito il campo per infortunio, sostituito da Oggiano che si piazza a destra con Benvenga che torna a fare il centrale. La tensione si taglia a fette, con gioco che latita e diversi falli tattici. È il Taranto però a rendersi più pericoloso, in particolare con una conclusione di Matute che non trova l’angolazione giusta nel tiro e appoggia tra le mani del portiere Fumagalli.

Al rientro negli spogliatoi succede il fattaccio che inevitabilmente condizionerà il secondo tempo: Luigi Manzo viene espulso insieme al tecnico rossonero Corda, in circostanze non chiarite.

Nel secondo tempo il Taranto in 10 serra le fila, cercando di portare a casa almeno un punto. Ragno posiziona Matute al centro della difesa, con De Caro e Benvenga ai lati. Il Taranto regge bene fino al 95′ quando proprio Matute, migliore in campo fino a quel momento, liscia il rinvio su un lancio lungo a campanile da centrocampo, per Tortori è un gioco da ragazzi infilzare Sposito.

Si registrano momenti di tensione estrema negli spogliatoi con l’intervento addirittura delle F.O..
Resta il risultato, ancora una volta negativo per il Taranto, terza sconfitta in sei gare, decisamente uno score imprevedibile ad inizio stagione.

Dall’altra parte un Foggia tutt’altro che trascendentale vince e si porta in testa alla classifica, grazie alla combinazione di risultati favorevoli e ad un Taranto ancora poco convincente e che comincia ad avere i contorni di un bluff.

Foggia (352): Fumagalli, Anelli, Viscomi, Cadili (72′ Gerbaudo), Di Masi, Cittadino (46′ Gentile), Salvi (72′ Di Jenno), Gibilterra (46′ Campagna), Kourfalidis (90′ Cannas), Iadaresta, Tortori.
In panchina: Di Stasio, Russo, Staiano, Delli Carri.
Allenatore: Corda.

Taranto (352): Sposito, De Caro, Luigi Manzo, Allegrini (16′ Oggiano, 94′ Pelliccia), Benvenga, Cuccurullo (82′ Marino), Matute, Stefano Manzo, Ferrara, Genchi (72′ Croce), Favetta (65′ Galdean).
In panchina: Giappone, Riccio, Ouattara, D’Agostino.
Allenatore: Ragno

Arbitro: Andrea Calzavara di Varese.
Assistenti: Michele Risposi di locri e Matteo Marco Barberis di Collegno.
Ammoniti: Cadili, De Caro, Viscomi, Tortori, Cuccurullo, Favetta.
Espulsi: Luigi Manzo al 45′ negli spogliatoi e il tecnico del Foggia Corda.
Marcatore: al 95′ Tortori
Angoli: 3-2
Spettatori circa 8000, trasferta vietata per i tifosi del Taranto.

Write A Comment