Breaking
Ad
Ad
Ad
TARANTO FC

Il Taranto che verrà dovrà lottare per un posto in griglia playoff

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Questo quanto ribadito in conferenza stampa di presentazione del nuovo tecnico rossoblu Nello Di Costanzo, il quale ha sposato in toto il progetto di Massimo Giove: prima la sostenibilità economica, poi l’obiettivo sportivo che, quest’anno, dovrà essere migliorativo rispetto alla salvezza raggiunta lo scorso campionato.

Nello Di Costanzo si presenta al pubblico tarantino e traccia le linee guida del suo Taranto, abbracciando le idee della società, che punta al miglioramento della posizione di classifica della scorsa stagione ed al contenimento dei costi.

Il neo allenatore rossoblu rientra tra i professionisti, dove ha militato per diversi anni, prima dell’ultimo periodo in serie D, giocandosi una carta importante per il rilancio della sua carriera in una piazza come Taranto, dove non si può vivacchiare e le aspettative sono sempre alte.

Si può fare bene anche senza grossi nomi e con budget bassi, limitando al minimo il margine d’errore nella scelta degli uomini. Compito che spetterà al duo Dionisio-Di Costanzo e che sembra l’unica via percorribile nel mentre il calcio italiano è alla vigilia di una nuova riforma, più volte rimandata, e la città si appresta a quella che si annuncia come l’ultima e irripetibile occasione di rilancio delle infrastrutture sportive, stadio Iacovone in primis, con l’avvento dei prossimi Giochi del Mediterraneo.

Sarà una squadra giovane per metà (già in passato si era parlato di un mix di 12 elementi under e 12 over), con alcuni punti fermi, il portiere over, il centrale classe 2000 Granata, il capitano Marsili (che rumors dell’ultima ora danno in procinto di sbarcare al Casarano dell’ex Montervino) e la coppia d’attacco Giovinco-Saraniti.

Proprio da questi ultimi, o meglio dai rispettivi procuratori, sono giunti cenni d’insofferenza: hanno ancora un anno di contratto col Taranto, vorrebbero un prolungamento, anche perché entrambi hanno fatto bene lo scorso anno in rossoblu e potrebbero avere mercato, senza dimenticare l’età dei due, 34 anni l’ariete e 32 il trequartista.

Chi resterà dunque in rossoblu? Detto di Marsili e Granata, sicuramente gli altri papabili per la riconferma sono i terzini classe ’99 Ferrara e De Maria ed il centrocampista classe 2000 Diaby, non in quota under perché straniero.
Il futuro di Giovinco e Saraniti è tutto da scoprire: per Di Costanzo e Dionisio sono funzionali al progetto di gioco, terminali offensivi del 4-4-2 ipotizzato dal tecnico ex Brindisi. La sensazione che traspare dalle dichiarazioni dello stesso Dionisio è di una certa rigidità in merito al contratto in essere, con nessuna possibilità, almeno per ora, di un eventuale prolungamento per un altro anno.

Restano da chiarire le posizioni degli altri contrattualizzati Civilleri e Pacilli, più gli under Tomassini e Loliva, che non rientrano nei piani tecnici.
A breve dovrebbero esserci i primi annunci, per una rosa che dovrà essere pronta per un buon 80% per l’inizio del ritiro, previsto per il 20 luglio a Sturno in provincia di Avellino.

Una squadra che potrebbe avere un profilo decisamente differente al termine della sessione di mercato estiva.

Write A Comment