Breaking
Ad
Ad
Ad
CALCIO

IL PROCESSO DI LORENZONI

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

“COME PULCINI”

A volte si è obbligati a dire ed a fare le cose in modo veritiero. Io cerco sempre di farlo, anche perchè il tempo ed il vento soffiano sempre sulla verità. La verità è la vera vela che fa muovere il mondo, certo a volte la burrasca dell’ipocrisia o del “leccadidietro” cerca di sorreggere la situazione, ma poi come sempre, ritorna il sereno, e quindi si ha la realtà che bussa inferocita alla porta. Molti “leccadidietro” hanno un vocabolario molto distinto e partigiano quando parlano del nostro amato Taranto…solo perchè hanno paura di ripercussioni, (ma da dietro alle telecamere o nascosti sparlano a vanvera del nostro amato Taranto…i “SOLITI IGNOTI”. Domenica sera tranquillamente ho guardato la partita del Taranto, una squadra purtroppo rinunciataria, senza gioco d’impostazione ed abulica a qualsiasi gioco d’attacco.

Due giocatori al di sopra di tutti in negativo: Cedric e Bobb. Non  so dove e perchè sono stati “comprati” forse al mercatino dell’usato? Ecco da qui dobbiamo partire per avere sempre LA SITUAZIONE CHIARA, CHI LI HA PRESI? CHI LI HA SCELTI? Sapendolo già possiamo avere le idee chiare su chi lavora bene, e chi lavora male, questo esame e queste domande dovrebbe già farsele la società (chiaramente fino adesso assolta con merito ed inconsapevole)

lorPoi come sempre un film è fatto dal primo tempo e dal secondo tempo, andiamo ad indovinare il secondo tempo, forse questi giocatori che hanno fatto presenze (pochissime) avevano lo stipendio pagato dalle società di appartenenza? forse sono taroccati sull’età e quindi sono piu grandi della loro carta d’identità ? boh…se non vediamo il secondo tempo sono solo illazioni!

Ho intitolato questo articolo “Come Pulcini” perchè vedendo tutta la partita mi sono ricordato quando piccolissimo giocavo al calcio ed ero un “Pulcino”come categoria. Il mister mi diceva “oggi giochiamo contro i giovanissimi” mi raccomando non facciamo brutte figure, chiudiamoci in difesa e non facciamoci fare una goleada, se no domani i vostri genitori (in questo caso i tifosi) mi “ammazzano” per la brutta figura.

Io sono sempre convinto che se devo perdere almeno me la gioco alla grande, e inspecialmodo faccio crescere nei giocatori la loro “autostima”. Intanto perdere per perdere il risultato non vale, questo gioco da “pulcini” non mi piace. Caro ALDO, cresciamo un po’ nelle prossime partite…iniziamo a giocare almeno un po’ da Polli.

Sempre Forza Taranto.

Pierluigi Lorenzoni

Write A Comment