Breaking
Ad
Ad
Ad
SOCIAL CORNER

Hunt Vs Hamilton, l’evoluzione di un pilota di F1

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Se dopo vent’anni di corse Kimi Raikkonen è ancora uno dei piloti più amati della Formula 1, un motivo ci sarà. Il finlandese, Campione del Mondo 2007 e attuale portacolori di Alfa Romeo Racing, è l’idolo di molti tifosi non solo per il suo talento e per la raffinatezza del suo stile di guida, ma anche per il suo carattere. Schietto e molto poco “politically correct” – i suoi esilaranti team radio sono diventati praticamente leggendari – Kimi è uno che non le manda a dire, e sotto questo profilo ricorda un po’ i piloti di una volta. Questo è Iceman: niente peli sulla lingua e una manifesta insofferenza nell’adempiere a tutte quelle incombenze che spettano ad un pilota del terzo millennio – e che non riguardano strettamente la guida, come le interviste e le conferenze stampa.

Ma se il 41enne di Espoo ci ricorda i protagonisti di una F1 che non c’è più è anche per un altro motivo: a Kimi piace godersi la vita, nel senso più… festaiolo del termine. Chi non si ricorda quella volta in cui, dopo un ritiro al GP di Monaco 2006, Kimi si diresse direttamente verso il suo yacht ormeggiato nel porto, per rilassarsi assieme agli amici senza passare dal box? Tra qualche sbronza e belle donne (anche se l’età porta consiglio e ora è felicemente sposato con Minttu, con cui ha avuto due figli) il finlandese di ghiaccio ci ricorda un po’ James Hunt, un altro che alle relazioni con gli sponsor preferiva i party e la compagnia di appariscenti donzelle. E che non a caso è l’idolo di Kimi, che non ha mai nascosto la sua ammirazione per l’iridato ’76.

LEWIS, IL CAMPIONE MODERNO

Un profilo molto diverso da quello di Lewis Hamilton, prototipo – nel bene e nel male non sta a noi giudicarlo – del pilota moderno. Il fenomeno britannico, oltre che essere un professionista a tutto tondo tra allenamenti rigorosi e uno stile di vita da perfetto atleta, è anche ben inserito nel jet set, molto presente sui social network, attentissimo all’immagine ed estremamente modaiolo. E negli ultimi tempi anche impegnato in “rumorose” battaglie sociali su temi molto sentiti di questi tempi come la tutela dell’ambiente o l’uguaglianza. Un modo molto diverso di approcciarsi alle corse – e anche alla vita – da quello del collega finlandese, che attraverso il proprio profilo Instagram non ha mancato di lanciargli una irriverente stoccata.

FRECCIATINA

Nelle scorse ore Kimi ha pubblicato in una storia un foto-confronto tra James Hunt e Lewis Hamilton: il primo a torso nudo, con birra e sigaretta in mano a bordo di uno yacht; il secondo in sella ad un monopattino, vestito di tutto punto con un completo a quadri e berretto in pendant. La didascalia scelta? “Evoluzione di un pilota di Formula 1”. Inutile dire che l’immagine, diventata presto virale sui social, è una frecciatina al pilota della Mercedes, al suo stile di vita e al modo di comunicare con il suo pubblico.

TESTIMONE DEL PASSATO

I tifosi di Kimi hanno ovviamente apprezzato, condividendo a loro volta il post ma generando anche qualche polemica. Sui social non sono infatti mancate le critiche, tra chi ha accusato Raikkonen di superficialità e chi di invidia nei confronti del pluri-iridato Lewis, vincitore di cinque titoli in più del finlandese. Incurante delle opinioni contrariate, Kimi ha in seguito pubblicato un’altra storia: una foto di qualche anno fa che lo ritrae abbracciato ad un amico, intento a fumare e in uno stato piuttosto… alcolico. “Non preoccupatevi – ha scritto Kimi rassicurando i suoi fan – non tutte le speranze sono ancora perse!”. Comunque la si pensi, Raikkonen ha confermato ancora una volta di essere un autentico personaggio, un volto che mancherà di certo alla Formula 1 quando si deciderà ad appendere casco e guanti al chiodo.

Fonte gazzetta.it

Write A Comment