Breaking
Ad
Ad
Ad
CALCIO

Gravina: “dal ’24-’25 la riforma dei campionati”

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

La Riforma si farà. Non è ben chiaro come ma le notizie ufficiali arrivano per bocca del presidente Figc Gabriele Gravina, che ha rilanciato la sua proposta a margine di una visita istituzionale a Catanzaro:

Dice Gravina: ” L’idea di fondo legata alla riforma è legata ad una esigenza: il nostro calcio è surriscaldato cioè si spende troppo perché il divario a livello di mutualità è altissimo. C’è un rapporto di 1 a 20 tra la serie A e B, di 1 a 10 tra C e B e infinito tra C e dilettanti perché non c’è mutualità. Il rischio è retrocedere perché se retrocedi tu fallisci. La storia dice che su quattro società che vanno dalla B alla C tre, in uno o due anni, falliscono. La mia preoccupazione è raffreddare il sistema con delle fasce intermedie e poi arrivare, dal ’24-’25 a quella che sarà la fusione che costituiremo, mi auguro con l’approvazione del Consiglio federale”.

Una fusione che prevede una C élite ed una D élite con una fusione poi tra la C élite e la B per arrivare nel ’24-’25 ad una A, due B, poi la D élite che si fonda con la serie C con un semiprofessionismo abbastanza allargato e poi il mondo del dilettantismo che sarà vero, non professionismo di fatto”


Beh, è chiaro no? La C sarà smembrata, 20 elette faranno parte di una nuova B2, mentre le altre 40 retrocederanno in una nuova C che farà Lega unica con un’altra sessantina di squadre provenienti dalla D. Vedremo quando si parlerà di soldi e mutualità come andrà a finire.
E vedremo anche se così non fallirà più nessuno…

Write A Comment