Breaking
Ad
Ad
Ad
AMARCORD

Gol di De Vitis, anche il Var si sarebbe incartato

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Taranto Lazio, spareggi di Napoli per la permanenza in serie B nel 1987, gol di Totò De Vitis che decide la gara per l’1-0 finale dei rossoblu sui biancocelesti.

Si è scritto di tutto e di più su quella partita, non solo da parte tarantina, ma anche sulla sponda laziale.
Proprio i capitolini nel 2015 rispolverarono le divise di quella stagione, a suo modo storica, che segnò il punto più basso di sempre per la gloriosa tradizione sportiva del club del presidente Lotito.

Ma il gol di Totò, fu davvero siglato in fuorigioco? Certo non c’erano Var e altri supporti tecnologici oggi presenti nel calcio, che hanno reso forse meno complicata la direzione da parte di arbitri e assistenti, ma anche tolto quel pizzico di imprevedibilità in più, legata spesso alle interpretazioni delle (una volta) giacchette nere, costrette a decidere in un breve lasso di tempo.

Con il Var e la gol-line tecnology non ci sarebbero stati dubbi su episodi che ancora fanno discutere a distanza di decenni e che hanno fatto la storia di questo sport, come ad esempio il gol di Hurst nei tempi supplementari della finalissima dei mondiali tra Inghilterra e Germania nel 1966, la “mano de Dios” di Maradona in Inghilterra-Argentina del 1986 o, per restare in Italia, il gol annullato per fuorigioco a Turone in Juve-Roma 0-0 del 1981 o ancora il gol del 2-0 di Muntari non visto in Milan-Juve 1-1 del 2012.

Tutti episodi che hanno cambiato la storia, come anche quel gol di De Vitis che permise al Taranto di guadagnare più di mezza salvezza contro un avversario sulla carta superiore, spingendo la Lazio ad un passo dal baratro.

Eppure, rivedendo quelle immagini per chissà quante volte in questi ultimi 34 anni, forse il fuorigioco non c’era, o perlomeno non era così netto come le cronache dell’epoca descrissero. Sul tiro di Gridelli, poi respinto dal portiere laziale Terraneo, De Vitis si trovò il pallone tra i piedi, due metri avanti a tutti. Ma proprio al momento in cui il terzino rossoblu calciava, il numero 9 tarantino non era poi così avanti, anzi… forse anche il Var si sarebbe incartato…

Immagini Rai, Taranto history, YouTube

Write A Comment