Breaking
Ad
Ad
Ad
TARANTO FC

Giove: “carta bianca a Montervino”

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Conferenza stampa di presentazione del ds Francesco Montervino e dell’allenatore Giuseppe Laterza al Circolo Sottufficiali della MM. Il presidente Massimo Giove indica le linee dell’accordo col nuovo Ds, non prima di aver rifiutato domande sull’addio di Pagni:

“Oggi dobbiamo parlare dei presenti, per rispetto verso i nuovi Ds ed allenatore. Del passato non voglio parlare. Sono felice dell’accordo con Francesco Montervino, al quale ho dato carta bianca per la costruzione della rosa di concerto col mister Laterza. Non ci saranno ingerenze di chicchessia, come leggo da più parti, sulla gestione tecnica. Ho solo chiesto che il direttore costruisca una squadra forte sul piano fisico, aggressiva e motivata.”

In merito alla contestazione il presidente del Taranto si esprime così:

“Ho già detto che abbiamo fatto degli errori di cui mi sono scusato, non sono riuscito a vincere, accettiamo le critiche, anche se sul piano dell’impegno ho dato sempre il massimo. Vincere non è facile, a maggior ragione a Taranto dove non si vince da tanto e la gente e delusa ed esasperata. L’anno scorso ero convinto, e non ero il solo, che il Taranto avrebbe vinto il campionato, ma non è andata così. Quest’anno dico solo che faremo una squadra di carattere perché su certi campi non si vince con i nomi o col blasone.”

Sulla questione girone e riforma dei campionati:

“La crisi post-covid si farà sentire e molte società non si iscriveranno, soprattutto in C. Fino ad un mese fa si parlava di una riforma immediata, con due gironi di B e tre di C dilettantistica. Il Taranto si sarebbe trovato in C per bacino d’utenza. Poi tutto è stato rinviato di un anno. Attualmente il nostro girone è l’H, forse il più difficile. Ci sono troppe differenze tra i gironi del nord e quelli del sud, al nord ci sono squadre che si allenano due volte a settimana e la domenica giocano. Andare nell’I potrebbe essere comunque difficile per via di squadre che potrebbero fallire come il Catania o il Trapani, oltre ad uno dei due Messina. L’anno scorso cera il Palermo.”

Foto pagina Facebook Cosmopolismedia.

Write A Comment