Breaking
Ad
Ad
Ad
AMARCORD

Francesco Dell’Anno, il “nuovo Maiellaro”

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr


Una promessa della Lazio. Arriva a Taranto nell’estate dell’88 per giocare titolare e forse, nelle intenzioni della società e nelle speranze della tifoseria, per diventare il nuovo Maiellaro.


Stiamo parlando di Francesco Dell’Anno, trequartista rossoblu nella stagione di B 1988-89. In realtà giocherà poche volte da titolare in un Taranto che iniziò benissimo (da ricordare la vittoria sul Genoa per 1-0 con gol dell’altra scommessa persa, Lerda) ma che a metà stagione era già in zona retrocessione.
Un suo gol (unico in 33 presenze) a Brescia nel girone d’andata permise al Taranto di vincere per 1-0, facendo un gran balzo in classifica tanto da far pensare addirittura ad un inserimento nella lotta per la A.


Invece pian piano il Taranto si sgonfia, Fasano contestatissimo voleva mollare tutto e Carelli in primavera diventò presidente a furor di popolo. La squadra però non riuscì a salvarsi nonostante il cambio di proprietà ed una rosa sulla carta forte ed esperta. Quel Taranto pagò l’incertezza societaria, un mercato fatto di giocatori sulla via del tramonto e giovani in cerca di rilancio, una piazza in fermento che voleva finalmente una squadra che lottasse per la A.


Dell’Anno passò all’Arezzo a fine campionato e poi all’Udinese in A, dove esplose nel ruolo di regista di centrocampo. Così arrivò la chiamata delĺ’Inter dove però non riuscì ad imporsi.
Il Taranto dopo la retrocessione vinse subito il campionato in C, con una serie di record, tornando in B, campionato a cui i rossoblu hanno partecipato, dal ’69 al ’93, per 19 anni su 24…

Tutto questo a fronte di una situazione odierna davvero sottodimensionata, se paragonata alle aspettative della tifoseria dell’epoca.

Write A Comment