Breaking
Ad
Ad
Ad
LOCALE

Eccellenza a due gironi, ripescaggi a catena

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

L’idea della riforma dei campionati sembra essere andata in soffitta. In fondo, se anche in tempi di pandemia “soltanto” 3 società non sono riuscite ad iscriversi in C (e altre 3 in D), vuol dire che la situazione non è poi così disastrosa come viene dipinta dai presidenti delle società.

A parte gli scherzi, il rinvio di un anno di qualsiasi riforma da parte del presidente della Figc Gravina, non toglie i dubbi su quale possa essere il futuro del calcio italiano, professionistico in particolare.
Se l’idea resta quella di scendere a 60 squadre professionistiche, diventa difficile pensare che le altre 40 possano accettare senza problemi una qualunque riforma che le retroceda di categoria.

Ecco perché l’unica proposta che avrebbe forse accontentato tutti sarebbe stata la conferma del format attuale con il declassamento a semiprofessionismo della serie C.

Intanto nelle categorie inferiori le riforme sono state attuate repentinamente. In molti comitati regionali si è proceduto a ripescaggi a catena ed all’allargamento degli organici dei campionati.
È il caso della Puglia del presidente Tisci che ha deciso l’allargamento dell’Eccellenza a 28 squadre con due gironi da 14.

Il progetto era nell’aria da qualche settimana, ma non è piaciuto a tutti. Il campionato di Eccellenza pugliese è sempre stato uno dei più competitivi d’Italia, dato che si è svolto sempre a girone unico, per lo più a 16 squadre, con la partecipazione di società storiche della regione che avevano in molti casi anche trascorsi in serie B e C.

Il rischio maggiore è quello di un abbassamento del livello di competitività del campionato.
Molte le tarantine che parteciperanno al torneo: al già presente Martina, dove giocherà l’ex rossoblu Cristiano Ancora, si sono aggiunti il Massafra (che ha rilevato il titolo del Fortis Altamura), più le ripescate: Ginosa, Manduria, Sava (che ha ufficializzato l’altro ex Taranto Maraglino) e Castellaneta.

A catena, ripescaggi anche nelle categorie inferiori. Al Grottaglie ed all’Avetrana si aggiungono nel campionato di Promozione il Talsano-Taranto e lo Spartans Boys di Ginosa (che ha preso il titolo del Città di Massafra).

In prima categoria resta il Lizzano, assieme ad Atletico Martina, Don Bosco Manduria, Ragazzi Sprint Crispiano, San Giorgio Ionico e Tre Colli Montemesola.

Write A Comment