Breaking
Ad
Ad
Ad
UNA CHIACCHIERATA CON...

Dionigi: spero Taranto in C comunque

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Abbiamo raggiunto telefonicamente Davide Dionigi, ex allenatore del Taranto nel biennio 2010-2012, in prima divisione.

-Buonasera mister, qual è il tuo pensiero su questo finale di campionato del Taranto?

“Il Taranto ci sta provando, non è ancora finita anche se mancano poche partite alla conclusione del campionato. La squadra ha il dovere di crederci fino alla fine.”

-I rossoblu, dopo quella famosa annata del 2012 con te in panchina, terminata come tutti sappiamo, non sono più riusciti a riprendersi, inanellando campionati di D e un anno in C fallimentare

“È vero, il Taranto non è più riuscito a ritornare ai livelli che gli competono. Credo che bisognerà fare di tutto per rientrare già da quest’anno in serie C, se non si dovesse riuscire sul campo.”

-quindi anche attraverso un ripescaggio…

“Taranto non può stare in D, nel caso dovesse rendersi necessario, sarebbe un regalo che la città meriterebbe”

-A proposito di ripescaggi, cosa ne pensi delle squadre B?

“Credo che le squadre B dovrebbero fare un campionato a parte, in C preferisco squadre che rappresentino le piazze storiche di provincia.”

-il tuo Taranto è rimasto nella storia per i numeri che è riuscito a fare ma, a distanza di anni e al netto delle difficoltà extracampo, possiamo dire che in quelle semifinali con la Pro Vercelli, fummo “penalizzati” dalle decisioni arbitrali?

“Quel Taranto era una società moribonda, questo ha compromesso il risultato sportivo, anche per via di alcune circostanze quantomeno dubbie nelle due partite di playoff. Mi riferisco ai tre gol annullati tra andata e ritorno e al rigore inesistente concesso a loro all’andata. Vorrei sottolineare la correttezza di un gruppo di giocatori che ha dato tutto fino all’ultimo, nonostante le difficoltà economiche.”

-in questi ultimi anni a volte il tuo nome è stato accostato al Taranto, ma si è sempre detto che non avresti accettato una panchina in D…

“So che ogni tanto è stato fatto il mio nome. In realtà non mi ha mai contattato nessuna delle varie società che si sono susseguite alla guida del Taranto.”

-la società attuale sembra puntare anche per il futuro su Luigi Panarelli…

“Luigi è stato un mio giocatore, credo che la società stia puntando su di lui giustamente perché sta facendo bene ed è probabile che si stiano gettando le basi per un progetto con lui.”

-A proposito, quali sono i tuoi progetti futuri?

“Quest’anno sono rimasto fermo, punto a rientrare su una panchina già dal prossimo luglio. Dipenderà comunque dal progetto che eventualmente mi verrà proposto.”

-Grazie mister, come sai Taranto ti è rimasta affezionata, magari ci incontraremo presto, chissà anche da avversari…

“Sì, sarebbe bello. Taranto mi ha dato tanto…”

Write A Comment