Breaking
Ad
Ad
Ad
TARANTO FC

Difesa da inventare per Panarelli

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Si sta per concludere un’altra settimana tribolata per il calcio tarantino, con la contestazione della tifoseria che sembra ormai aver superato il punto di non ritorno.

Troppe volte in passato ci siamo trovati in situazioni simili: la contestazione con queste dinamiche, più volte descritte e documentate sui vari siti sportivi e non, difficilmente è poi rientrata, se non in presenza di una svolta. Ultima, in ordine cronologico, quella che sancì l’addio di Zelatore e Bongiovanni, col ritorno di Giove.

È stato così anche in passato, in categorie superiori, anche con presidenze che hanno vinto campionati, ma che non sono riuscite a dare un seguito positivo alla loro esperienza al vertice della società ionica.

La società, appunto, non parla. Le ultime notizie sono di una programmazione in standby, indice di riflessione sull’immediato futuro.
Intanto il campionato continua. Domani arriva la capolista Bitonto dell’ex Marsili, reduce dallo stop interno contro il Cerignola.

Una partita che il Taranto affronterà con un’emergenza difensiva (mancano tutti i centrali over) ed il morale sotto i tacchi. Probabilmente Matute arretrerà nel ruolo di centrale e potrebbe affiancarlo il giovane Luka, mai visto all’opera finora. Urge una prova d’orgoglio della squadra, reduce da due sconfitte consecutive senza l’onore delle armi.

Thanks to Alberto Stendardi

Write A Comment