Breaking
Ad
Ad
Ad
Uncategorized

CONOSCIAMO MEGLIO L’AKRAGAS DI MISTER DI NAPOLI

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Sfida salvezza importantissima Domenica prossima allo Iacovone dove arriverà l’Akragas terz’ultima in classifica con 24 punti e in piena zona playout. La squadra siciliana ha subito un drastico ridimensionamento col mercato invernale di Gennaio durante il quale sono andati via i pezzi pregiati della rosa come il difensore Marino, destinazione Fondi e i calciatori Zanini e Gomez a Catanzaro. AK

Nonostante ciò l’allenatore Raffaele Di Napoli, con i molti under presenti in rosa, sta riuscendo a non sfigurare ed anzi, a raggiungere risultati inaspettati, come la vittoria nel derby casalingo col blasonato Catania. Domenica scorsa l’Akragas ha perso contro la Fidelis Andria per 1 a 0 per un gol di Croce arrivato al novantesimo minuto. Sempre nel  finale arrivò la sconfitta esterna di Catanzaro nella trasferta precedente. Questo sta a significare, comunque i risultati dicano il contrario, la solidità degli agrigentini, sia in casa e sia in trasferta. Facciamo adesso un piccolo riassunto sulla rosa siciliana.

In porta sconterà il terzo turno di squalifica il titolare Pasquale Pane (90) che sarà sostituito dal suo vice Stefano Addario (93). Difesa guidata dal possente difensore centrale brasiliano-portoghese Cazè (90), coadiuvato ai lati dai giovani Riggio (95) e Mileto (95). A centrocampo squalificato l’argentino Pezzella, uno dei più esperti, ci saranno allo Iacovone Fausto Coppola (97), Bramati (93) e l’esterno italo-uruguaiano Antonio Sepe (92). In attacco a Gennaio è arrivato dalla Fidelis Andria il croato-austriaco Danijel Klaric (95), giocatore fisicamente possente ancora a caccia del suo primo gol in Lega Pro. Suoi compagni di reparto dovrebbero essere il palermitano Salvatore Cocuzza (87) e Lorenzo Longo (94) ex Melfi lo scorso anno. Salterà il match per infortunio invece Francesco Paolo Salvemini (96) che è stato costretto a lasciare il ritiro di Cava Dei Tirreni, dove si trovava coi compagni di squadra e far ritorno ad Agrigento, per un riacutizzarsi del dolore al fianco sinistro.

Emerge da questa breve analisi come l’Akragas sia una squadra molto giovane con gravi lacune soprattutto tra centrocampo e attacco, ma siamo sicuri che scenderanno in campo col coltello fra i denti per portare a casa almeno un punticino. In casa Taranto invece tutto prosegue senza intoppi e non preoccupano più di tanto gli infortuni di Pirrone, Guadalupi e Paolucci che stanno recuperando senza intoppi e saranno molto probabilmente disponibili almeno per la panchina. Il posto dello squalificato Lo Sicco, nel caso in cui Pirrone non sia al 100%, sarà occupato da Sampietro. Vincere anche questa gara casalinga è di fondamentale importanza per allungare ulteriormente il divario con le inseguitrici.

Emanuele Di Palma

Write A Comment