Breaking
Ad
Ad
Ad
AMARCORD

C’era una volta… il Taranto che batteva la Juventus

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Il Taranto del presidente Carelli e del neo tecnico Nicoletti regala una soddisfazione storica alla tifoseria rossoblu dopo la promozione ottenuta a suon di record in serie B.

Il 12 settembre 1990, in un pomeriggio da tutto esaurito allo Iacovone, la Juventus Roberto Baggio e di Gigi Maifredi in panchina, s’inchina davanti ai rossoblu che vincono in rimonta con le reti di Turrini (che così si presentò al suo nuovo pubblico) e ad una bomba su punizione di Brunetti.

Nel finale arrembante con 4 punte in campo, il Taranto fallisce anche il terzo gol, in particolare con Insanguine che alza troppo la mira a due passi dalla linea di porta. Un gol che avrebbe potuto rimettere in discussione la qualificazione, saldamente nelle mani dei bianconeri grazie al 2-0 dell’andata.

Questo resta l’unico successo in partite ufficiali contro la “Vecchia Signora“, su 13 incontri totali (tutti in Coppa Italia) nei quali il Taranto ha incamerato 11 sconfitte ed 1 pareggio (nel ’78) prima dell’affermazione di quel pomeriggio del 12 settembre 1990.

Stadio Erasmo Iacovone 12 settembre 1990 
Taranto-Juventus 2-1
Marcatori: 23′ Alessio (Ju), 43′ Turrini, 76′ Brunetti.
Taranto: 
Spagnulo; Cossaro (52′ Clementi), Filardi, 
Evangelisti, Brunetti, Zaffaroni, Turrini (86′ Passiatore), Mazzaferro, Insanguine, Raggi, Giacchetta. 
A disposizione: Piraccini, Bellaspica, Cazzarò. Allenatore: Nicoletti.
Juventus: 
Tacconi; Luppi, D. Bonetti, Corini, Julio Cesar, L. De Agostini, Alessio, 
Marocchi, Casiraghi (54′ Galia), R. Baggio, 
Di Canio (48′ M. Orlando). 
A disposizione: Bonaiuti, De Marchi, A. Fortunato. Allenatore: Maifredi.
Arbitro: Pezzella di Frattamaggiore.
Note: ammonito Zaffaroni.
Spettatori paganti 24364, incasso £ 458 milioni 800mila (record d’incasso e di spettatori)
Inizio gara ore 1630, giornata soleggiata, terreno in ottime condizioni, angoli 8-2 per la Juventus.

Fonte dati statistici passionerossoblu.it

Il servizio di Videolevante, commento Gianni Fabrizio, fonte YouTube

Write A Comment