Breaking
Ad
Ad
Ad
Category

SERIE D

Category

Da Tuttocampo.it Dopo alcune uscite non ufficiali di alcuni Presidenti di comitati regionali, è tornato sull’argomento della chiusura dei campionati dilettantistici, il Presidente Nazionale Cosimo Sibilia. Nella serata di ieri, ospite di Sport Italia Mercato, il presidente della Lnd ha fatto il punto della situazione, auspicando un possibile ritorno in campo per il prossimo 17 maggio. “La priorità e la salute. Quando questa emergenza terminerà potremo tornare a parlare di calcio. Ora c’è troppa approssimazione, osserviamo le regole fino al termine di questo brutto momento”. “L’unico giudice deve essere il campo, ma non manderemo nessuno allo sbaraglio, sia per quanto concerne la quarta serie che i campionati regionali. Maggio? C’è un’ipotesi di ripartenza per domenica 17: giocando 3 volte a settimana potremmo concludere la stagione entro il 30 giugno” “Inutile fare supposizioni, in casi particolari potremo anche valutare alcuni spostamenti di campi”. Il Presidente si è poi soffermato per quanto…

Cosimo Sibilia, presidente della Lega Nazionale Dilettanti, intervenuto ai microfoni di Radio Sportiva, ha dichiarato: “Dalla relazione dei nostri esperti si evince che la Lega nazionale dilettanti potrebbe perdere intorno al 30% delle società sportive. Questo fa capire le condizioni in cui ci potremmo trovare, siamo molto preoccupati. Ci aspettiamo un’attenzione particolare per quanto riguarda il calcio giovanile e di base in Italia. Ci aspettiamo vicinanza per consentire di portare a termine i campionati con le certificazioni mediche dovute. Quando ci saranno le condizioni sanitarie potremo riprendere e il giudice dev’essere soltanto il rettangolo di gioco. Abbiamo la necessità di chiudere i campionati in 40-45 giorni, siamo obbligati a dare il risultato dal campo”.  Fonte tuttoC.com

Terminato il Consiglio Federale della LND, per stabilire le strategie da seguire fino al termine della stagione. L’intenzione del presidente Cosimo Sibilia, in coerenza con quanto deciso fino a questo momento, è quello innanzitutto di salvaguardare la salute di tesserati e tifosi. Confermato lo stop fino al 3 aprile, si dovrebbe tornare in campo il prossimo 5 Aprile. La notizia delle ultime ore, però, riguarda l’intenzione della Lega di concedersi due ulteriori rinvii, nel caso in cui la situazione non torni alla normalità. Considerando che il 12 Aprile è la domenica di Pasqua, si tornerebbe in campo domenica 26. In questo senso, la proposta della Lega sarebbe quella di far scendere in campo le squadre ogni domenica e mercoledì fino al completamento della stagione, che slitterebbe al 21 giugno, data presa in considerazione per l’eventuale fine del campionato. Una presa di posizione netta del presidente Sibilia, in linea con quanto deciso nelle ultime…

La serie D decide di fermarsi. Niente porte chiuse quindi ma stop al campionato. Domenica non si giocherà anche nei gironi finora risparmiati dai provvedimenti per l’emergenza Coronavirus. Di seguito il comunicato ufficiale della lega di serie D:

L’anno scorso di questi tempi, il Taranto aveva appena battuto all’ultimo respiro il Savoia di Campilongo, con gol liberatorio di Croce al 92′, davanti a circa 7mila spettatori. I rossoblu toccavano quota 51 punti, 2 in meno del Picerno capolista. Oggi con 38 punti ed un impietoso -13 rispetto alla scorsa stagione, il Taranto è distante 15 punti dalla vetta, peggior risultato degli ultimi 6 campionati di D disputati. Per trovare uno distacco maggiore infatti bisogna risalire al campionato post fallimento 2012-13, quando il Taranto alla 6ª di ritorno con 31 punti aveva un ritardo addirittura di 30 punti dall’irraggiungibile Ischia, anche in questo caso, allenata da mister Campilongo. Nel primo, parziale, anno di presidenza Giove, alla sesta giornata il ritardo dal Potenza (di Ragno mister e Guaita in campo), capolista indiscusso con 58 punti, era di 13 punti. Ma quegli allora 45 punti dei rossoblu traslati sulla classifica odierna,…