Breaking
Ad
Ad
Ad
Category

SERIE D

Category

(ANSA) – GENOVA, 26 OTT – Dopo tre espulsioni di suoi giocatori il presidente di una squadra ligure di serie D ha perso del tutto la pazienza ed ha iniziato ad insultare l’arbitro dalla tribuna usando l’altoparlante dello stadio. Il giudice sportivo lo ha multato di mille euro. E’ accaduto domenica scorsa durante il derby regionale Vado (Savona)-Ligorna (Genova). Protagonista è Franco Tarabotto, numero uno del Vado che milita nel girone a della serie D. Come raccontato dai media locali, è stato multato di mille euro dal giudice sportivo per aver “diffuso attraverso l’altoparlante dello stadio un’espressione ingiuriosa all’indirizzo della terna arbitrale e per avere i propri sostenitori rivolto insulti all’arbitro al temine della gara”. L’episodio è avvenuto nei minuti finali della partita giocata allo stadio Chittolina di Vado. Gli ospiti genovesi del Ligorna erano in vantaggio 4-2 (risultato finale) e i padroni di casa giocavano in otto dopo ben…

Fonte tuttoc.com Fabio Prosperi è il nuovo allenatore della Sambenedettese. A comunicarlo è il club marchigiano dopo aver esonerato Sante Alfonsi. “La A.S. Sambenedettese comunica di aver affidato l’incarico di allenatore della Prima Squadra a mister Fabio Prosperi. Contestualmente, si comunica che il nuovo preparatore atletico è Emanuele Vassalli che subentra a Francesco Paolini al quale vanno i ringraziamenti della società per l’ottimo lavoro svolto in questi mesi. Confermati, infine, l’allenatore in seconda, Daniele Romandini, e il preparatore dei portieri Stefano Visi”. “Cosa mi ha spinto ad accettare? E’ difficile rifiutare una piazza come San Benedetto – sono le prime parole di Fabio Prosperi da nuovo tecnico della Sambenedettese -. Per la mia carriera da allenatore, questo incarico rappresenta uno step importante e mi assumo la responsabilità con grande entusiasmo, ma anche con la consapevolezza che qui ci sono obiettivi importanti da raggiungere. Conosco solo un modo per raggiungerli: il lavoro”.

Un girone che si preannuncia interessantissimo e come sempre avvincente con grandi firme in campo e sulle panchine. Primo turno già con uno scoppiettante Martina-Casarano, il 4 settembre. La Lega Dilettanti ha stabilito i gironi di serie D. Come sempre tutte le pugliesi sono state inserite nel girone H con alcune campane e le lucane. Un girone che assomiglia più ad una vecchia C2, con quasi tutte le formazioni che vantano trascorsi in C o addirittura in B, come nel caso di Barletta, Brindisi, Cavese, Matera e Nocerina. Si preannuncia un campionato avvincente con il Casarano del Ds Montervino e dell’ex capitano del Taranto Marsili e degli altri ex rossoblu Rizzo, Guastamacchia e Saraniti in pole per la vittoria finale. Ma non sarà facile contro il Brindisi del tecnico Danucci, il Barletta di Chiricallo, la Cavese di Troise, il Nardò di Ragno e la Nocerina di Giuseppe Sannino, un tecnico…

La vicenda del Figline finisce malissimo per i fiorentini, il 5-1 subito nel Play off di Eccellenza Regionale dal Tau Altopascio è dichiarato illecito sportivo dalla Disciplinare Figc Toscana. Il Livorno alla fine ce l’ha fatta a salire in serie D. La vicenda relativa al playoff per la promozione in D tra le vincitrici dei tre gironi di Eccellenza Toscana ha un risvolto giudiziario favorevole ai labronici che, ad un anno dal fallimento e dalla ripartenza dai campionati regionali, rientrano in serie D ai danni del Figline, promosso sul campo. Riepilogo veloce dei fatti: nell’ultimo turno del girone finale, il Figline viene sconfitto per 5-1 dal Tau Altopascio, consegnando a questi ultimi il pass per la promozione in D ma “regalando” gli ultimi 3 gol agli avversari, per un calcolo opportunistico in vista della gara successiva tra il Livorno e lo stesso Tau. La cosa fa scalpore tanto da arrivare…

Fonte notiziariodelcalcio.com Il Martina torna in Serie D. Decisiva la vittoria perentoria di oggi ai danni dell’Akagras che pure si presentava in Puglia forte del successo per 3-2 dell’andata. Ed invece è stato un monologo dei ragazzi di Pizzulli che hanno un approccio perfetto alla gara e ci impiegano meno di mezz’ora ad indirizzarla. Dopo dodici minuti è Ancora a gonfiare la rete di Harusha. Passano tre minuti e replica Barrera. Tre minuti prima della mezz’ora il rigore di Delgado di fatto archivia la sfida. L’Akragas non riesce a riaversi. Neppure l’intervallo dà la scossa agli ospiti che dopo dieci minuti capitolano per l’ultima volta ancora per mano di Ancora che segna la sua doppietta e chiude i giochi. il tabellino Martina-Akragas 4-0 Martina (4-3-2-1): Maggi; Perrini, Barrera, Aprile, Cappellari; Mangialardi, Teijo (84′ Amatulli), Cerutti; Falconieri (63′ Petitti), Delgado (78′ Ardino); Ancora (73′ Picci). A disp.: Cocozza, Brescia, Fruci, Soldano, Pinto. All. Pizzulli. Akragas…

Si riporta, la graduatoria di merito per eventuali ripescaggi al Campionato della Lega Pro stagione sportiva 2022/2023, a seguito della delibera del Consiglio Federale pubblicata sul Comunicato Ufficiale n. 262/A e n. 263/A della F.I.G.C. del 19/05/2022, sul C.U. n. 76 e n. 77 della L.N.D. del 20/5/2022 della L.N.D. 1- CAVESE 2- LENTIGIONE 3- POGGIBONSI 4- UNION CLODIENSE CHIOGGIA 5- TORRES 6- FRANCAVILLA 7- CASATESE 8- CITTA’ DI VARESE 9- SAMBENEDETTESE

Fonte lastampa.it E’ durato una sola stagione il purgatorio del Novara in serie D, gli azzurri con il pareggio di Gozzano e il contemporaneo due a due tra Sanremese e Sestri Levante tornano tra i professionisti, un successo come da pronostico ma non scontato per una formazione allestita a fine agosto e con una nuova società; domenica sembrava rinviata la festa, Vuthaj e compagni non sono riusciti a scardinare il fortino del Gozzano ed erano già negli spogliatoi alla notizia del pareggio del Sestri Levante, la festa è continuata al “Piola” dove i tifosi hanno potuto celebrare la squadra e il presidente Ferranti.

Fonte lastampa.it Molto difficile possa affrontare in un prossimo futuro le concittadine Inter e Milan, ma frattanto il San Giuliano City Nova ha conquistato qualcosa di inimmaginabile. La formazione di San Giuliano Milanese, comune dell’hinterland di Milano che conta poco meno di 40 mila anime, che cinque anni fa disputava il campionato di Seconda Categoria, nella prossima stagione per la prima volta nella propria storia prenderà parte ad un campionato professionistico. Sì, avete capito bene: dalla Seconda alla C, con cinque promozioni sciroppate in serie. Roba da guinness dei primati, – la vittoria del girone B di Serie D è arrivata con tre giornate d’anticipo – anche grazie alla proprietà facente capo alla famiglia Luce (alla guida del timone del 2017), proprietaria del gruppo Luce Immobiliare, che la scorsa estate ha rilevato il NibionnOggiono in D e ne ha trasferito il titolo sportivo a San Giuliano con la formazione allora…

L’Audace Cerignola ha centrato la promozione matematica in serie C dopo 85 anni, imponendosi con largo anticipo nel Girone H, decisiva per la formazione di Pazienza è stata l’affermazione nel derby contro il Bitonto (1-0). Trentadue risultati utili consecutivi, 70 gol fatti e 24 subiti, gli ofantini hanno centrando l’obiettivo con 4 turni d’anticipo. Il Francavilla in Sinni di Nicola Ragno è secondo a -14. Male il Bitonto del presidente dimissionario Rossiello, terzo e vera delusione della stagione. Ma davanti ha avuto un Cerignola insuperabile e favoritissimo sin dall’inizio.Negli altri gironi meridionali, promozione vicina per Giugliano (gir. G), mentre per la Gelbison (gir. I) bisogna attendere i recuperi dell’Acireale (2 gare in meno), oltre ad un possibile ma non facile ritorno della Cavese, seconda a -4.GIRONE GLa prossima avversaria del Giugliano sarà il Formia. 8 punti di vantaggio a 4 gare dal termine sono quasi incolmabili per la Torres seconda. Classifica: Giugliano 66,…

Dopo diversi anni e molti tentativi andati a vuoto, Cerignola si appresta a festeggiare la promozione in Serie C. Mister Michele Pazienza ha centrato questo pomeriggio il 31° risultato utile consecutivo ed è ormai ad un passo dal salto di categoria. 1-0 sul Francavilla in Sinni di Ragno, diretta concorrente nel Girone H, ha regalato ai dauni un +14 impossibile da colmare a cinque giornate dalla conclusione del campionato.