Breaking
Ad
Ad
Ad
AMARCORD

Caputi e Fagni, così diversi, così uguali

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Federico Caputi e Giuseppe Fagni. L’uno (Caputi) ha speso gran parte della sua carriera a Taranto, l’altro (Fagni) è stato poco più che una meteora. Il primo centrocampista laterale, a fine carriera terzino. Il secondo attaccante.

Due ex rossoblu dal peso specifico diverso in quanto a militanza, ma curiosamente con alcuni aspetti in comune.

Innanzitutto la data di nascita, 13 maggio 1950, uno di Latina (Caputi) l’altro toscano. Per entrambi un unico gol realizzato in rossoblu, forse troppo poco per Caputi con le sue 142 presenze in 6 campionati, dal ’75 al ’80 (più un’ultima breve apparizione nell”85-’86). Forse anche per uno come Fagni che ha vissuto a Taranto una sola stagione, quella di B 1980-81, come attaccante di scorta con 15 presenze totali.

Ma la cosa più interessante, sul piano statistico è proprio quell’unica marcatura in maglia rossoblu che entrambi hanno segnato al Bari.

Federico Caputi fu l’artefice del gol da circa 40 metri con cui beffò il portiere biancorosso Venturelli, completando una fantastica rimonta nel derby del 22 aprile 1979. Il Taranto, sotto per 3-1 al Della Vittoria per i gol di Petruzzelli, Pellegrini e Manzin su rigore per il Bari, a cui aveva risposto Gori per il momentaneo 2-1, riuscì a pareggiare con le reti di Selvaggi al 55′ e appunto di Caputi al 75′ per il 3-3 finale, dopo che Petrovic aveva parato il secondo rigore del possibile 4-1 a Manzin.

Giuseppe Fagni, siglò il gol della vittoria rossoblu all’82’ del derby allo Iacovone del 26 ottobre 1980, sbloccando una gara che sembrava destinata allo 0-0 finale.
Fagni, entrato al posto di Fabbri pochi minuti prima, ribadì in rete un tiro di Cannata respinto dal palo.
Fagni, una buona carriera in B con le maglie di Rimini, Taranto e Pistoiese ed una puntatina in A col Verona, non si ripeterà più, lasciando Taranto a fine stagione, dopo un’amara e inaspettata retrocessione in C1.

Caputi, uno dei protagonisti del periodo d’oro degli anni ’70 e titolare nel mitico Taranto di Iaco, tornò a Taranto per il campionato di C1 del 1985-86, partendo titolare da terzino sinistro, ma giocò le prime 5 partite, uscendo nell’intervallo di Taranto-Casarano (4-2), partita che sancì il suo ritiro dal calcio giocato.

Per lui anche una rete in Coppa Italia, al 90′ di Taranto-Juventus 1-1 (sotto il video della gara, immagini Rai) del 10 maggio 1978, di testa su cross di Selvaggi, partita giocata davanti a 28464 paganti, allora record di presenze assoluto per i rossoblu, non d’incasso però, battuto proprio dalla gara contro il Bari del 20 novembre ’77.

Auguri ai due “marcatori da derby” rossoblu.

Giuseppe Fagni con la maglia del Taranto

Write A Comment