Breaking
Ad
Ad
Ad
TARANTO FC

Bari 3 Taranto 1: giornata da cancellare per i rossoblu.

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Troppo poco quanto fatto dal Taranto oggi pomeriggio a cospetto di un Bari costruito per vincere il campionato e che, a lunghi tratti del match, ha addirittura mostrato di non voler infierire colpi su un avversario inerme e incapace di ferire la capolista come quello ionico.

Chiorra: Altro gol subito su punizione, il terzo della stagione. Incolpevole sulle altre due marcature baresi. VOTO 5,5

Granata: Sul raddoppio biancorosso compie l’errore di dare le spalle all’avversario mentre tira deviando poi la palla nella sua porta. Per il resto tanta confusione come il resto del reparto difensivo. VOTO 5

Zullo: Fa il terzo a destra in una difesa inventata a tre per necessità. Mai a suo agio. VOTO 5

Benassai: Centrale difensivo dei tre. Dirige poco e male i suoi compagni. VOTO 5

Mastromonaco: Tanto impegno e corsa ma oggi basta. VOTO 5,5

Labriola: Effettua l’unico tiro dei rossoblu verso lo specchio della porta biancorossa nel primo tempo. Il resto è davvero poca cosa.

Dal 65’ Bellocq: Entra con buona gamba. Ha il merito di mettere sui piedi di Giovinco la palla che sarebbe valsa il 3-1 se l’attaccante ionico non venisse falciato in area procurandosi un prezioso penalty. VOTO 6

Marsili: Soffre la vivacità del centrocampo barese. Si becca un giallo e sbaglia un paio di cross su punizione. VOTO 5

Civilleri: Sembra aver finito la benzina dopo due mesi giocati a 100 all’ora. Esce al 77’ sfinito. VOTO 5

77’ Santarpia: SV

De Maria: Sbaglia alcuni appoggi e un paio di cross davvero facili. Prova incolore dell’esterno sinistro rossoblu che non brilla in ambo le fasi. VOTO 5

65’ Versienti: Non è al meglio e si vede. Gioca comunque 25 minuti fatti di tanta corsa e impegno.

Saraniti: Torna in campo dal 1’ dopo quasi un mese. La qualità si vede la freschezza atletica chiaramente meno. Sbaglia il rigore del 3-1 ribadito poi in porta da Giovinco. VOTO 5,5

Giovinco: Non la sua migliore gara certamente, ma si regala un altro gol che a suo modo resterà storico per aver eguagliato lo stesso risultato del derby di 29 anni fa. VOTO 6

88’ Pacilli: Sette minuti in campo. Il tempo di perdere un paio di palloni e di prendersi un giallo per un inutile fallo da dietro nella trequarti avversaria.

Laterza: La mancanza di uomini lo spinge a provare una inedita difesa a 3. Esperimento meramente fallito. VOTO 5

Write A Comment