Breaking
Ad
Ad
Ad
TARANTO FC

1-1 allo Zaccheria tra Foggia e Taranto

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Foggia e Taranto si dividono la posta in palio: 1-1 allo Zaccheria
Finisce 1-1 l’atteso derby dello Zaccheria tra Foggia e Taranto: la squadra di mister Laterza conquista un punto prezioso. Una partita vivace, dal primo all’ultimo minuto: Saraniti sblocca il risultato nel primo tempo, su rigore; nella ripresa, Petermann pareggia i conti. 
IL MATCH. Cambia modulo il Taranto: mister Laterza da fiducia al 4-2-3-1 che, nel secondo tempo contro la Fidelis Andria, ha convinto. Torna Riccardi nella posizione di terzino al posto di Tomassini; a centrocampo, fuori Bellocq, con Mastromonaco che agisce sull’esterno destro, Giovinco al centro e Santarpia a sinistra. In attacco confermato il solito Saraniti. La prima palla gol del match è al 14’: discesa di Ferrara, palla per Saraniti che, da posizione centrale, si fa neutralizzare dal centrale dauno Sciacca con un intervento provvidenziale. Al 16’ il Taranto conquista il calcio di rigore: Civilleri recupera palla sulla metà campo e innesca il contropiede, Mastromonaco serve Saraniti che viene atterrato da Alastra. Massima punizione, con l’estremo difensore che viene ammonito. Dal dischetto, l’ex centravanti del Palermo non sbaglia e porta in vantaggio i rossoblù al 17’. Dopo quattro minuti, il Foggia ha subito l’opportunità di pareggiare i conti: Curcio penetra nella difesa rossoblù e pennella un cross perfetto per Ferrante che, da solo, manda sul fondo. Al 32’ doppia ghiotta occasione per il Taranto: altro contropiede dei rossoblù, Santarpia calcia dal limite impegnando Alastra; sulla ribattuta, Giovinco chiama al secondo intervento l’estremo difensore rossonero che salva il risultato. Il Foggia prova a farsi rivedere dalle parti di Chiorra al 41’ con una conclusione di Di Pasquale, dopo un rinvio corto della difesa ionica: il tiro del centrale finisce sul fondo. Ci riprovano ancora i dauni al 43’ con un tiro di Curcio che finisce, di poco, alta sopra la traversa. Dopo tre minuti di recupero, il direttore di gara manda tutti negli spogliatoi. 
Avvio di ripresa privo di emozioni: il Foggia prova ad imporre il proprio gioco, il Taranto cerca di ripartire in contropiede e di far male alla retroguardia avversaria. Al 66’, alla prima occasione vera del secondo tempo, il Foggia pareggia i conti: Curcio si libera di tre avversari al limite dell’area, palla per Petermann che, col destro, piazza la sfera alle spalle di un incolpevole Chiorra. Dopo due minuti, i dauni si divorano il 2-1: Rocca mette a sedere Ferrara e De Maria, calcia verso Chiorra che respinge. Sulla ribattuta, Gallo sbaglia la conclusione che termina sopra la traversa. La partita si accende improvvisamente: Saraniti scatta sul filo del fuorigioco e conclude verso Alastra, con Di Pasquale che chiude provvidenzialmente. Al minuto 85 ripartenza del Taranto orchestrata da Saraniti, palla per Marsili che, dal limite, impegna Alastra: parata in due tempi. Nei cinque minuti di recupero, il Taranto prova a cercare il colpo grosso ma non riesce a concretizzare: allo Zaccheria finisce 1-1 con gli ionici che conquistano un punto prezioso. 
FOGGIA-TARANTO 1-1
RETI: 17’ Saraniti, 66’ Petermann
FOGGIA (4-3-3): Alastra; Garattoni, Sciacca, Di Pasquale (dall’82’ Vigolo), Martino (dal 34’ Di Jenno); Rocca, Petermann, Gallo (dal 75’ Garofalo); Merola (dal 34’ Rizzo Pinna  – dall’82’ Girasole), Ferrante, Curcio. Panchina: Volpe, Merkaj, Masella, Ballarini, Tuzzo. All. Zeman.
TARANTO (4-2-3-1): Chiorra; Riccardi, Zullo, Granata (dal 65’ Tomassini), Ferrara; Marsili, Civilleri; Mastromonaco (dall’82’ Labriola), Giovinco (dall’82’ Ghisleni), Santarpia (dal 62’ De Maria); Saraniti. Panchina: Loliva, Antonino, Falcone, Bellocq, Pacilli, Cannavaro. All. Laterza.
ARBITRO: Mario Saia di Palermo. Assistenti: Antonio Severino di Campobasso e Roberto Terenzio di Cosenza. IV: Alberto Ruben Arena di Torre del Greco.
AMMONITI: Riccardi (TA), Sciacca (FG), Civilleri (TA), Giovinco (TA), Rocca (FG)
NOTE: Recupero: 3’ pt, 5’ st. Angoli: 5-4 per il Taranto.

fonte articolo cosmopolismedia.it

Write A Comment